menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli frattura la mano, ma lui non lascia la presa: preso criminale incallito

Il fatto è avvenuto a Collestrada a poche decine di metri dal Cimitero della frazione perugina. Prognosi di 40 giorni per un agente della Volante. Lo straniero in carcere: è un violento e spacciatore già più volte condannato

Non ha mollato la presa neanche quando il dolore era insopportabile e solo dopo l'intervento di un altro collega ha allentato la sua morsa sul criminale che aveva inseguito per oltre 200 metri lungo la strada del Cimitero di Collestrada.

Un agente della Volante ha subito una frattura scomposta della mano dopo aver ingaggiato una colluttazione con uno spacciatore e ladro tunisino che era stato fermato nella frazione perugina. Lo straniero - A.D. di 36 anni - doveva scontare una condanna di due anni dopo numerosi precedenti per droga, reati contro la persona e contro il patrimonio.

Appena gli agenti gli hanno chiesto di esibire i documenti, ha tentato la fuga. Tuttavia l'agente (che sarebbe poi rimasto ferito) lo ha immediatamente inseguito, raggiungendolo bloccandolo con coraggio. Il bollettino medico parla di: frattura scomposta del quinto metacarpo con prognosi di 40 giorni.

Il tunisino già in passato era stato condannato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Immediato il trasferimento a Capanne. E' stato anche accertato che viaggiava a bordo di uno scooter rubato. Furto, ricettazione e violenza: altri tre capi di imputazione, dopo le condanne da scontare, per cui sarà processato per direttissima mercoledì prossimo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento