Cronaca

Perugia, scaraventa la ex sul letto e le dà un pugno in faccia: assolto per mancanza di querela

Il giudice, come vuole la riforma Cartabia, ha concesso alla persona offesa il tempo per denunciare i fatti, ma questa non si è mai presentata

Picchia la ex compagna, ma la parte offesa non sporge querela e viene assolto.

L’imputato, difeso dall’avvocato Mirko Ceci, era accusato di lesioni aggravate “perché con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso dopo aver raggiunto la ex compagna nella sua abitazione di Perugia, dapprima la aggrediva spintonandola fino alla camera da letto, dove una volta giunti, la faceva cadere sul letto”, quando poi la donna “tentava di rialzarsi dal letto, la colpiva con un violento pugno in corrispondenza della guancia sinistra, procurandole lesioni consistite in contusione regione tempro mandibolare sinistra” che i medici del Pronto soccorso refertavano come lesioni giudicate guaribili in 4 giorni.

I fatti sono avvenuti a Perugia il 18 ottobre 2020. In tribunale, sulla base ella riforma Cartabia, è stato dato tempo alla persona offesa di presentare querela. Essendo scaduti i termini senza che ciò avvenisse e senza che la persona offesa si presentasse in aula, il pubblico ministero ha chiesto sentenza di non luogo a procedere per difetto di condizione di procedibilità. La difesa si è associata e il giudice ha chiuso il caso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, scaraventa la ex sul letto e le dà un pugno in faccia: assolto per mancanza di querela
PerugiaToday è in caricamento