LA PROVOCAZIONE Al Centro ormai si mangia, si beve, si vendono soprattutto calze e mutande... è la strada giusta?

L'inviato cittadino Sandro Allegrini ha scattato una fotografia personale dell'economia del centro... con pregi e difetti. Ascoltando quel che dicono, alcuni, sull'attuale movimento dell'acropoli. Una provocazione per aprire un dibattito. Buona lettura e buona riflessione. Per dire la vostra scrivete a: redazione@perugiatoday.it

L'inviato cittadino Sandro Allegrini ha scattato una fotografia personale dell'economia del centro... con pregi e difetti. Ascoltando quel che dicono, alcuni, sull'attuale movimento dell'acropoli. Una provocazione per aprire un dibattito. Buona lettura e buona riflessione. Per dire la vostra scrivete a: redazione@perugiatoday.it

°°°°°°°°

di Sandro Allegrini

“Al Centro storico ormai si mangia, si beve (male) e basta… o si comprano calze e mutande”. Parola di un residente storico dell’acropoli che stigmatizza questa inconfutabile realtà. “Un esempio lampante – precisa – è quello offerto da via Mazzini, dopo la chiusura di Fagioli, della sanitaria, del negozio di abbigliamento maschile”. E ora tocca a Duemme-Merlini, come ampiamente raccontato su queste colonne. Il “cahier de doléances” prosegue con un lungo elenco di attività mangerecce che si dipanano lungo questo ampio rimbocco fra piazza Matteotti e corso Vannucci.

Ecco gli esercizi enumerati: Caffè Mazzini, Caffè di Perugia, Pizzeria Reginella, Ristorante via Nova, Gelateria, Prosciutteria, Capatoast. Ma poi anche la porchetteria all’angolo col palazzo delle poste. Insomma: ben otto attività mangia-bevi in poche decine di metri quadrati. Cosa resta? Poco. All’intersezione con corso Vannucci, le due edicole (chiuse da tempo e utilizzate per la vendita di chincaglierie) diverranno – si dice – visual pubblicitari. Sempre meglio di adesso. All’edicola appoggiata alle poste – si anticipa – verrà un esercizio per la diffusione di tulipani olandesi: sempre meglio che l’edicola dismessa (sembra ormai irreversibile il processo di caduta dei giornali).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per l’ex negozio di Fagioli, si parla ancora di calze e mutande. “Perché mai – argomenta il cittadino dell’acropoli – un turista dovrebbe venire a Perugia per comprare intimo che ha già nella sua città?”. Prosegue: “De profundis per i negozi come Ceccucci che vendevano tessuti a telaio e ceramiche prestigiose”. E propone: “Perugia dovrebbe puntare su cioccolato e cachemire, prodotti esclusivi, identitari e di qualità”. Come dargli torto? Sempre meglio che un centro dove si va solo a mangiare e bere, anche troppo e… male. Basti vedere i giovani, intontiti da shottini di bassa qualità, gironzolare come fantasmi e orinare a go-go. Ma al peggio non c’è mai limite?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento