menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fanno prostituire una giovane straniera, arrestati avvocato e la sua complice

I due sono accusati di aver gestito l'attività della donna attraverso siti di incontri online, di averla minacciata per incontrare più clienti e preso i soldi dell'attività di prostituzione

I Carabinieri di Todi hanno arrestato un quarantenne di Todi e una donna di nazionalità rumena di trent’anni, entrambi residenti a Perugia, responsabili, in concorso, di sfruttamento della prostituzione, anche con il ricorso a mezzi di coercizione.

L’uomo arrestato è un avvocato civilista con studio legale a Perugia, originario di Todi.

Nel corso delle indagini, avviate nel mese di gennaio 2019 e coordinate dalla Procura della Repubblica di Perugia, che sono state effettuate anche con l’ausilio di attività tecniche e pedinamenti, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Todi, hanno raccolto elementi che documenterebbero l'attività dei due indagati nel far prostituire una giovane donna rumena, sia all’interno della propria abitazione di Perugia sia in altre località, organizzandole appuntamenti attraverso siti di incontri on-line, che venivano predisposti sia dall’avvocato sia dalla donna, sempre di nazionalità rumena.

Secondo l’indagine la giovane donna sarebbe stata oggetto di continui controlli da parte dei due arrestati, che non esitavano a minacciarla per indurla a un numero maggiore di incontri e a non intrattenersi per lungo tempo con i clienti.

Il legale tuderte, oltre a sollecitare tali atteggiamenti coercitivi, si occupava anche della “raccolta” dei proventi in quanto, personalmente, raccoglieva il frutto dell’attività di meretricio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento