Domenica, 21 Luglio 2024
Cronaca

Proprietaria di casa non paga il mutuo, scatta l'esecuzione del Tribunale: sfrattata famiglia in affitto

Agli inquilini è stata comunicata la procedura esecutiva quando ormai era troppo tardi: domani dovranno lasciare la casa ed entro dieci giorni liberarla delle loro cose

La proprietaria di casa non paga il mutuo, riceve la comunicazione dell’avvio del procedimento di esecuzione immobiliare, ma non dice nulla agli inquilini e una famiglia si trova sfrattata all’improvviso.

La famiglia ha preso in affitto un appartamento alla periferia di Perugia anni addietro. Ad ottobre del 2021 ha scoperto, tramite ingiunzione del Tribunale, che avrebbe dovuto lasciare la casa in quanto oggetto di esecuzione immobiliare: la proprietaria non avrebbe pagato, per anni, il mutuo, e la banca si è rivolta al giudice per ottenere il pignoramento dei beni.

In base al racconto degli inquilini, assistiti dall’avvocato Francesco Cinque, la proprietaria non avrebbe detto loro nulla delle difficoltà, continuando ad incassare l’affitto che doveva, invece, andare alla procedura esecutiva. Se la famiglia lo avesse saputo prima, avrebbe potuto pagare alla procedura l’affitto oppure investire quei 25mila euro in un altro affitto o in un acquisto.

Tra richieste e udienze si arriva a marzo di quest’anno, quando il titolo derivante dall’affitto non è più opponibile davanti alla giustizia. Così l’8 marzo c’è l’udienza per decidere sul ricorso degli inquilini, che viene rinviata al 15 marzo e oggi è arrivata la decisione del giudice: domani mattina la casa deve essere liberata. L’ufficiale giudiziario provvederà a cambiare le serrature e concedere dieci giorni per poter liberare l’appartamento di tutte le proprietà della famiglia.

Gli inquilini avevano anche chiesto al giudice di poter rimanere fino alla fine del mese nella casa, in quanto hanno pagato l’affitto anche per il mese di marzo. La risposta è stata no.

Alla famiglia, che domani mattina, con una bambina piccola che ha lì vicino tutto il suo mondo, avrebbe dovuto lasciare la casa, non rimane altra strada di intraprendere un lungo iter giudiziario per il risarcimento del danno nei confronti della proprietaria di casa (che non lo era più da tempo, ma lo ha tenuto nascosto).

Grazie all'istanza difensiva d'urgenza depositata dall'avvocato Cinque, infatti, è arrivata la proroga all'ultimo momento: i giudice ha concesso altri 15 giorni alla famiglia per liberare l'appartamento, con l'esecuzione che avrà luogo il primo aprile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Proprietaria di casa non paga il mutuo, scatta l'esecuzione del Tribunale: sfrattata famiglia in affitto
PerugiaToday è in caricamento