menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza profughi, l'Umbria accoglierà più di 1000 persone

La precisazione delle due prefetture umbre all'incontro con i Comuni nella sede di Anci Umbria a Perugia: "Messa a regime degli arrivi"

Primo punto: sono attualmente 756 i profughi in Umbria suddivisi tra 17 comuni della provincia di Perugia e 6 di quella di Terni. Ma arriveranno al massimo a 1083. La precisazione è delle due prefetture umbre all'incontro con i Comuni nella sede di Anci Umbria a Perugia.

Emergenza profughi, in provincia di Perugia altri 671 da accogliere: ecco il bando, con costi e servizi

Un punto che stona, però. E' quello dei numeri. E della precisione. Insomma, c'è qualcosa che non tornaUna nota dell'Anci spiega - a questo punto - che le prefetture hanno chiarito che "i 671 profughi nella Provincia di Perugia e i 212 della Provincia di Terni, previsti a bando in un periodo di tempo che va dal 1 giugno 2015 al 31 dicembre 2015, a fronte dei 584 profughi nella Provincia di Perugia e i 172 nella Provincia di Terni già collocati da tempo, non si riferiscono a nuovi arrivi, ma alla a messa a regime del numero degli accolti attuali, e, alla previsione di piccoli gruppi che arriveranno, fino ad un massimo di presenze a livello regionale che non supererà le 1083 unità , numero stabilito in Conferenza Stato-Regioni per la regione Umbria". Morale: più di mille persone in Umbria. Ma non oltre.


E ancora: "Lo scenario internazionale – ha spiegato Giulio Cherubini, sindaco di Panicale e coordinatore della Consulta immigrazione Anci Umbria - ci impone una profonda riflessione sull'eventuale accoglienza di cui i nostri territori devono farsi carico, con l'auspicio che gli arrivi siano distribuiti tra i Comuni in modo equo e sostenibile. In Umbria - ha aggiunto - non vogliamo concentrazioni di massa e, ancor peggio, profughi lasciati in tendopoli in giro per il territorio; vogliamo governare in maniera equilibrata questo processo, richiamando altresì il Governo italiano e le istituzioni europee affinché l'impatto economico e sociale del fenomeno non ricada completamente sui Comuni". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento