menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omicidio Bellocchio, per il marito assassino si avvicina la sentenza: fissata la data

Francesco Rosi, che il 25 novembre del 2015 uccise a fucilate la moglie Raffaella Presta, sarà giudicato con rito abbreviato. Fissata la data della sentenza

Si avvicina la sentenza per Francesco Rosi, l'ex agente immobiliare ora in carcere per aver assassinato la giovane moglie Raffaella Presta il 25 novembre 2015 all'interno della loro villetta in via del Bellocchio. Dopo la discussione delle parti civili (terminata questa mattina dal gup Avenoso), il 10 maggio sarà la volta della difesa di Rosi (avvocato Laura Modena), il 17 maggio ci saranno le repliche e il 16 giugno la sentenza.

Omicidio Bellocchio, tutti contro l'assassino Rosi: "Vogliamo l'ergastolo"

"Cronaca di una morte annunciata", il pm chiede l'ergastolo per l'assassino Francesco Rosi

Chiesto l'ergastolo per il reo confesso Francesco Rosi. Il pm Valentina Manuali, alla fine della requisitoria aveva chiesto l’ergastolo con l’isolamento diurno che - scontato di un terzo della pena come previsto dal giudizio abbreviato – potrebbe costare a Rosi il carcere a vita. La requisitoria del pm aveva voluto mettere in luce come l’omicidio della giovane avvocatessa non sia stato un raptus di follia, ma un tragico evento “premeditato”. Anche secondo i difensori di parte civile  l'uxoricida avrebbe agito con premeditazione.  Ora spetterà alla difesa; il 16 giugno Rosi sarà giudicato con rito abbreviato. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento