Affitti e assegni per 30mila euro, sacerdote accusato di circonvenzione di incapace

Prete sotto processo per aver sottratto denaro da un'anziana parrocchiana in provincia di Perugia

Un sacerdote è accusato di circonvenzione di incapace per aver tratto “profitto, abusando del disturbo dipendente della personalità con conseguente attenuazione della capacità d’intendere e di volere inficiante la capacità di autodeterminazione” di una signora di 86 anni.

Secondo la Procura il sacerdote, difeso dall’avvocato Salvatore Cavuoti, avrebbe preteso dalla donna la somma di “700 euro mensili” per un anno e mezzo, “quale canone di locazione di un immobile” di proprietà del prete “e del quale la persona offesa fruiva saltuariamente”, incassando 12.600 euro.

L’accusa mossa al sacerdote riguarda anche l’incasso di una serie di assegni per un totale di 16.950 euro.

Per la difesa quelle somme sarebbero solo l’espressione di un rapporto di amicizia ed economico instauratosi tra il sacerdote e la donna, come ricostruito in una scrittura privata con la quale la signora metteva “nella disponibilità di tutto il di lei patrimonio mobiliare ed immobiliare e riconoscendosi di lui debitrice della somma di 120 milioni di lire”.

Per la Procura, però, si tratterebbe di circonvenzione di incapace.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pizza a lievitazione naturale, ecco le migliori pizzerie di Perugia

  • Documento Unico di Circolazione e bollo auto, cosa è cambiato nel 2020

  • Cresima e comunione insieme, l'arcivescovo cambia tutto: niente padrini e madrine per tre anni

  • Bambina di 12 anni all'ospedale per mal di pancia, ma è incinta

  • Omicidio Polizzi, libero il killer Menenti. Il fratello della vittima pubblica le foto del cadavere: "Ecco come lo ha ridotto"

  • Spara con un fucile alla sorella e al fidanzato: 32enne in Rianimazione

Torna su
PerugiaToday è in caricamento