rotate-mobile
Cronaca

Perugia, ubriaco e drogato prende a sediate la moglie: a processo

Per la Procura avrebbe costretto la donna in uno stato di prostrazione. Lei non l'ha mai denunciato per paura

Maltratta e picchia la moglie, ma le non denuncia mai, fin quando viene ricoverata in ospedale con lesioni superiori ai 30 giorni di prognosi e scatta il procedimento.

L’imputato, difeso dall’avvocato Salvatore Adorisio, è accusato di lesioni e maltrattamenti nei confronto della moglie. Secondo l’accusa l’uomo avrebbe ingiuriato, percosso e minacciato la donna, “sottoponendola a vessazioni fisiche e psicologiche, così da provocarle prostrazione e avvilimento, aggredendola soventemente quando si trovava in stato di ebbrezza o dopo aver assunto sostanza stupefacente, provocandole lesioni personali che non si faceva refertare per paura di ritorsioni”.

Il 31 maggio del 2019, infine, “nel corso di una violenta lite, la colpiva ripetutamente con calci, pugni e vari oggetti tra cui una sedia, procurandole lesioni personali consistite in diffuse ed estese tumefazioni ed ematomi” alla testa e al volto, con ferite sul viso e la frattura dello zigomo, del naso e di una costola, con lesioni giudicate guaribili in 30 giorni.

Dal Pronto soccorso era partita la segnalazione alle forze dell’ordine e la denuncia dell’uomo, fino al processo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Perugia, ubriaco e drogato prende a sediate la moglie: a processo

PerugiaToday è in caricamento