menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza, 26 comuni pronti a potenziare la video-sorveglianza: c'è il sì della Prefettura

I progetti sono stati tutti vagliati e approvati dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica lo scorso 29 ottobre

Sono 26 i Comuni della Provincia (Bastia Umbra, Campello sul Clitunno, Cannara, Cascia, Castel Ritaldi, Cerreto di Spoleto, Citerna, Gubbio, Lisciano Niccone, Magione, Massa Martana, Marsciano, Montone, Monte Santa Maria Tiberina, Paciano, Panicale, Perugia, San Giustino, Scheggino, Sellano, Spello, Spoleto, Todi, Tuoro sul Trasimeno, Umbertide e Vallo di Nera) che hanno presentato in Prefettura i progetti per l’installazione di sistemi di videosorveglianza in ambito urbano per ottenere i fondi nazionali messi a disposizione dal Governo. I progetti sono stati tutti vagliati e approvati dal Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica lo scorso 29 ottobre.

I progetti di sicurezza del territorio elaborati da Comuni umbri dovranno passare ora la selezione del Ministero dell’Interno per accedere al fondo nazionale da 17 milioni previsto per il 2020.  Il Prefetto Gradone ha voluto sottolineare l’importanza della valorizzazione della videosorveglianza, soprattutto mediante la realizzazione di apparati di ultima generazione, nonché del loro collegamento diretto con le Centrali Operative delle Forze di Polizia: "L’installazione di tali apparati, infatti, è stata individuata come misura per la prevenzione ed il contrasto della criminalità diffusa e predatoria nei Patti per la Sicurezza, stipulati dalla Prefettura con i suindicati Comuni, che costituiscono presupposto per l’eventuale concessione dei finanziamenti in parola".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento