menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

ESCLUSIVA Porta Pesa e la sala scommesse: "Ma quale mafia e riciclaggio, ora parleranno le denunce"

Intervista esclusiva al giovane imprenditore che ha aperto la sala scommesse allo slargo della Pesa

“PerugiaToday è stata l’unica fonte d’informazione corretta, nel senso che ha esaminato la questione senza pregiudizi. Ed è col vostro giornale che intendo confrontarmi. Mi sono negato a quanti hanno strumentalizzato e raccontato i fatti in modo distorto”. Questo l’inizio di una franca interlocuzione col giovane imprenditore che ha aperto la sala scommesse allo slargo della Pesa. Esordisce dicendo: “Sono un giovane imprenditore del settore, faccio questo lavoro da anni, nel pieno rispetto delle normative vigenti e nella più trasparente legalità, con vari esercizi attivi, sparsi nel territorio nazionale”.

Aggiunge: “Nel momento in cui ho deciso di sviluppare la mia attività a Perugia, il primo passo è stato quello di informarmi se la normativa lo consentisse. Una volta appurato che non esistevano vincoli di sorta, ho proceduto nel rispetto più assoluto della legge, che prevede il possesso e il controllo di determinati requisiti”.

Quali i passi?

“Nello specifico, ho incaricato un'agenzia immobiliare di trovare un locale che rispondesse  alle mie esigenze. Quella alla Pesa non è stata quindi una  collocazione che escludesse la presenza di eventuali scuole, proprio perché – per questo tipo di esercizio – la normativa non lo richiedeva. Non capisco, pertanto, questo accanimento mediatico, non riesco ad individuare una qualsivoglia ‘colpa’ da parte mia”.

Poi una precisazione: “Resto sorpreso anche del fatto che attività analoghe esistono da anni in quella zona: da ciò che ho sentito, bar e tabacchi hanno istallati al loro interno apparecchi ‘comma 6’, conosciuti ai più come slot, che, anche prima della modifica, a quanto si dice, andavano a violare il preesistente regolamento. Per non parlare di attività identiche alla mia che sono collocate in altre zone della città, vicine a scuole e luoghi di culto, ma che non hanno suscitato analoghe reazioni”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento