Scompare Giorgio Fiorini, figura molto apprezzata nella comunità a Ponte San Giovanni. Il cordoglio della Pro Ponte

Scompare Giorgio Fiorini, figura molto apprezzata nella comunità di Ponte San Giovanni. Giorgio, di professione macellaio, era soprannominato (ci ricorda il collega Gino Goti che gli fu amico) “la vedetta di via Adriatica”. Il motivo dell’eteronimo è riconducibile all’attività di costante vigilanza e responsabilità civica che Giorgio esercitava in zona, specialmente nei pressi del suo negozio di macelleria “FEP-Carni”. L’esercizio commerciale si trova alla confluenza di via San Bartolomeo con via Adriatica.

All’occhio vigile di Giorgio non sfuggiva nulla di quanto accadeva in zona, specialmente ciò che evidenziava connotazioni negative: dalla negligenza nella manutenzione del verde e delle pubbliche infrastrutture, fino alle presenze sospette e indesiderate. Ma Giorgio non si limitava alle parole: difatti imbracciava attrezzi e decespugliatore per dare l’esempio del fare, e non l’esibizione delle chiacchiere.

giorgio_fiorini-2Aveva previsto, proprio per la giornata odierna, di tagliare le erbacce ai lati del breve tratto di strada che collega via Manzoni con via Adriatica. Lo faceva per altruismo e senso di responsabilità. Invece, proprio oggi (ironia della sorte e beffardo destino), alle ore 15:00, nella chiesa parrocchiale di S. Bartolomeo in Ponte San Giovanni, si terranno le sue esequie. Che si prevedono molto sentite e partecipate. La scomparsa di Giorgio Fiorini ha seminato dolore e sconcerto nella comunità ponteggiana, dove era stimato sia per le sue doti umane che per la correttezza e la competenza professionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il presidente della Pro Ponte Antonello Palmerini, il direttivo e i soci esprimono rammarico. Ricordando, peraltro, come Giorgio fosse sempre disponibile a collaborare in tante occasioni di carattere sociale e gastronomico, offrendo generosamente disponibilità ed esperienza.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Perugia-Ancona, incidente tra auto e camion: muore 30enne

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

  • Massacra la madre a furia di pugni e calci, cerca di bruciarla viva e poi scappa: catturato

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus, dopo Eurochocolate anche per i Baracconi altro "No": "Ignorato il nostro piano sicurezza"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento