Rogo alla Biondi, il M5Stelle attacca l'Arpa e chiama la Commissione nazionale Eco-reati

Ad otto giorni i consiglieri regionali non hanno ancora dati ufficiali e completi dopo l'incendio. Dure accuse all'Arpa

"Dopo otto giorni dal furioso rogo della Biondi Recuperi a Perugia, avvenuto in area fortemente antropizzata, ARPA non ha ancora pubblicato dati puntuali in merito a diossine, PCB, IPA e metalli, se non trasmettendo una nota sintetica dello status quo a pochissimi soggetti istituzionali": è uno dei passaggi maggiormente di denuncia della lettera del gruppo regionale del Movimento 5 Stelle Andrea Liberati - Maria Grazia Carbonari inviata direttamente alla Commissione Bicamerale sugli Eco Reati a cui si vuole portare all'attenzione il rogo di Ponte Ssan Giovanni e il comportamento dei controllori dell'Arpa. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Tuttora gli stessi consiglieri regionali - hanno continuano gli esponenti dei 5Stelle - non hanno in mano alcunché. Nemmeno la predetta nota. Figurarsi se costoro siano in possesso verbali di visite routinarie o a sorpresa di ARPA presso questa impresa, così come altrove, presso altri gestori di piattaforme di rifiuti, documenti tanto più necessari dopo le interdittive antimafia 2015.Alla luce dei ripetuti denegati accessi agli atti del passato e del presente, nonché della mancata diffusione pubblica di informazioni precise e quotidiane sulle matrici ambientali, chiediamo pertanto un intervento formale, concreto e straordinario della Commissione: il rischio del contegno assunto in questi anni da ARPA non è soltanto quello di deprivare i rappresentanti eletti di elementi conoscitivi essenziali per l'adozione di politiche pubbliche efficaci, ma anche quello di disorientare e blandamente rassicurare le comunità, quando invece, tutt'attorno, tale assordante silenzio potrebbe confortare e incoraggiare proprio i responsabili di crimini ambientali, Ecomafie incluse".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Vincita da 1 milione al Gratta & Vinci. Gli appassionati della Smorfia ne ricavano 5 numeri per sbancare il lotto

  • Magione, estate al Laguna Park: una vera "Trasimenide" all'insegna di relax, natura e divertimento

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino dell'8 agosto: dieci nuovi positivi

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 9 agosto: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 6 agosto: altri tre positivi, aumentano i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento