Ponte Felcino: sventato raid punitivo, 5 fermati con passamontagna e bastoni

Una telefonata al 113, che segnalava la presenza di circa 10 giovani incappucciati ed armati di bastoni a Ponte Felcino, ha permesso di sventare un "raid punitivo" dopo un'episodio di rissa

E' stato grazie ad una segnalazione alla polizia che è stata sventata una spedizione punitiva conseguente ad una precedente rissa tra ragazzi italiani e cittadini extracomunitari, avvenuta nei giorni scorsi a Ponte Felcino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto riferito dalla polizia, nella tarda serata di lunedì una telefonata al 113 ha segnalato la presenza di circa 10 giovani incappucciati ed armati di bastoni a Ponte Felcino. La presenza in zona di due “Volanti” ha consentito un rapido intervento agli equipaggi che hanno notato allontanarsi velocemente una vettur .

Dopo un breve inseguimento la “Volante 2“ è riuscita a bloccare l'auto con a bordo cinque giovani, mentre con l’ausilio degli altri equipaggi si procedeva al controllo del mezzo. Sotto i sedili venivano così rinvenuti due manganelli telescopici in metallo, un passamontagna nero, mentre nel portabagagli: un tubo di gomma di un estintore, due tubi di plastica rigida, un tubo di metallo, due mazze di plastica rigide.

A questo punto, gli indagati, tutti di Perugia tra i 21 e i 27 anni, sono stati condotti in Questura dove sono stati deferiti alla competente A.G., in concorso, per il reato previsto dell’art. 4 della Legge 18.04.1975 n. 110, per possesso ingiustificato di strumenti atti ad offendere.

Con l'intervento della Digos che ha eseguito le perquisizioni domiciliari, venivano sequestrati, a carico di F. M., (con precedenti contro l’Ordine Pubblico e gravato da provvedimento DASPO), noto ultras, una mazza da baseball ed un passamontagna e a carico di G. M., una mazza da baseball ed un porta manganello telescopico.

Dall'attività di indagine espletata dalla D.I.G.O.S. si è riscontrato che l’episodio è da inquadrarsi in un tentativo di un'azione ritorsiva conseguente ad una precedente rissa tra giovani italiani e cittadini extracomunitari avvenuta nei giorni scorsi proprio nel quartiere di Ponte Felcino. A tal proposito sono in corso ulteriori accertamenti.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due persone in mezzo alla strada tirano calci alle auto: ma uno dei due finisce al "tappeto" (le foto)

  • Doveva restare in quarantena, ma un camionista ha continuato a lavorare: poi il malore, era positivo al coronavirus

  • Coronavirus, la mappa del contagio in Umbria al 3 aprile: tutti i dati per comune

  • Coronavirus Umbria, il bollettino del 7 aprile: frenano ancora i contagi, sei nuovi decessi

  • Battuta di pesca illegale nelle acque del Trasimeno: sorpresi con 150 chili di carpe e multati per 4mila euro

  • Coronavirus, altre due vittime in Umbria: lutto a Perugia e Castiglione del Lago

Torna su
PerugiaToday è in caricamento