menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Poliziotto ferito, prefetto, procuratore generale e procuratore in visita all'ospedale: "Grande coraggio, gli siamo vicini"

Il sovrintendente della squadra mobile di Perugia è stato colpito durante l'esecuzione di un accertamento sanitario obbligatorio

Il prefetto di Perugia Claudio Sgaraglia, il procuratore generale della Repubblica, Fausto Cardella, e il procuratore della Repubblica reggente, Giuseppe Petrazzini, con il vicario del questore, Angelo Serrajotto, hanno fatto visita al sovrintendente capo della Squadra Mobile della Questura di Perugia, Massimo Ciarafoni, ricoverato al Santa Maria della Misericordia di Perugia, dopo essere stato ferito in servizio. Il sovrintendente, infatti, venerdì 15 novembre, è intervenuto a supporto della polizia locale di Perugia che avrebbe dovuto effettuare un accertamento sanitario obbligatorio nei confronti di un perugino di 53. L'uomo si era barricato in casa, rifiutando di aprire alla Municipale. Era stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco per poter entrare nell'appartamento di Sant'Andrea delle Fratte. Ma una volta all'interno, il 53enne, secondo quanto ricostruito, ha sferrato un fendente che ha raggiunto al braccio il poliziotto.

Il prefetto ha espresso “vivo apprezzamento per l'azione coraggiosa e determinante svolta nell'occasione dal sovrintendente, che, insieme ai suoi colleghi, ha concorso a risolvere una delicata vicenda che poteva avere conseguenze ben più gravi per tutti gli operatori presenti sul posto”.

Il prefetto, rende noto l'Ufficio territoriale di governo, “nell'esprimere al sovrintendente tutta la sua vicinanza, anche alla sua famiglia, gli ha formulato gli auguri di una pronta guarigione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento