Sarà riaperto al pubblico il museo umbro che conserva i resti dei Mammut "umbri"

Stiamo tornando”: questo lo slogan che accompagnerà il nuovo calendario di aperture del museo paleontologico “Luigi Boldrini”

E' uno dei musei più importanti umbri anche perchè conserva i resti della flora e fauna di oltre 1milione 500mila anni fa quando una grande palude si estendeva nell'attuale vallata di Pietrafitta. E finalmente, dopo tanta incertezza e pochi fondi, sarà riaperto al pubblico per ammirare una infinità di animali ormai estinti, come l'elefane meridionale che era in media più alto dell'attuale colosso africano. 

Stiamo tornando”: questo lo slogan che accompagnerà il nuovo calendario di aperture del museo paleontologico “Luigi Boldrini” di Pietrafitta. Per non perdere la stagione turistica ancora in corso e in vista delle prossime manifestazioni culturali del territorio del comune di Piegaro sono state organizzate delle aperture per visitare l’interessante collezione paleontologica del museo a partire da sabato 14 settembre dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle 15.30 alle ore 18.30.

“Finalmente si mette un punto fermo – dichiara il sindaco di Piegaro Roberto Ferricelli -: si arriva a questa apertura dopo un lungo e complicato iter, reso complesso da vecchie e recenti problematiche, che sono però state tutte risolte. Con l’accordo raggiunto con Soprintendenza e Regione si è potuto procedere a questa prima, sperimentale, serie di date, anche per non perdere gli effetti della stagione turistica ancora in corso. Nelle settimane prossime sarà meglio definita la programmazione natalizia e quella per il 2020. Ora rimane il lavoro finale: il passaggio al museo nazionale della Umbria e l attuazione del progetto di parco tematico che abbraccia il lago di Pietrafitta e la vecchia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta di un’occasione unica per conoscere e apprezzare il ricco patrimonio paleontologico presente all’interno del museo, grazie all’intesa collaborativa tra il Comune di Piegaro, la Soprintendenza per i beni archeologici e la Regione Umbria. A partire dal mese di settembre, la società cooperativa Sistema Museo organizzerà delle visite guidate tutti i sabato e le domeniche ad orari fissi con partenza alle ore 10.15-11.15-12.15 e nel pomeriggio, alle ore 15.30 e 16-30 al costo di 5,00€ per adulti e di 3,00 euro per ragazzi 7- 17 anni, gratuito per bambini da 0 a 6 anni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Superenalotto, pensionato rigioca la schedina ma c'è una sorpresa: "Hai vinto 71mila euro"

  • Coronavirus: 4 positivi a Passignano sul Trasimeno, il sindaco blocca eventi, feste e cerimonie

  • Tragedia in Grecia: a Solomeo l'ultimo saluto a Carlotta Martellini, fiore appassito troppo in fretta

  • Tragedia di Mykonos, Carlotta e la sua risata: il ricordo delle amiche. Il professore ai genitori: "Avete solo cercato la felicità di vostra figlia"

  • Scooter parcheggiato davanti alla porta di casa per una notte intera: "Complimenti, il centro è tutto tuo"

  • "A Norcia 53 immigrati positivi al Covid19": la bomba sganciata in prima serata. Poi la dura smentita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento