menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Paura a Piegaro, franano le pareti di un lago in collina: protezione civile in allarme

I residenti sono stati pre- allertati anche se al momento per loro non è scattata alcuna ordinanza di evacuazione. Sul posto, oltre alla squadra comunale, sono al lavoro Vigili del Fuoco, Protezione Civile e Misericordia

Idrovore al lavoro a Convento di Cibottola  (nel comune di Piegaro) per svuotare un lago artificiale le cui pareti rischiano di cedere. Su   provvedimento del sindaco di Piegaro Roberto Ferricelli, coinvolto in questa vicenda nella doppia veste di geologo e primo cittadino, sono scattate nel pomeriggio di oggi le procedure di   Protezione civile, allo scopo di mettere in sicurezza la zona dove insiste un laghetto di collina ai   piedi del quale si è generata una frana di notevoli dimensioni.


Frana che, secondo le dichiarazioni di Ferricelli, “mette a repentaglio la stabilità del paramento di valle del lago   stesso”, e, nel caso estremo di un’onda di piena, potrebbe rappresentare un serio pericolo per   le prime abitazioni che distano due chilometri. Sul lago in questione, che contiene 25.000 metri   cubi d’acqua e che raggiunge una profondità massima di 6 metri, si è quindi reso necessario un abbassamento repentino del livello delle acque. A tal fine, intorno alle 19 sono entrate in funzione 3 idrovore che lavoreranno per tutta la notte, fino almeno a far scendere il livello del bacino di tre metri e ripristinare così le condizioni di sicurezza. I residenti sono stati pre- allertati anche se al momento per loro non è scattata alcuna ordinanza di evacuazione. Sul posto, oltre alla squadra comunale, sono al lavoro Vigili del Fuoco, Protezione Civile e Misericordia. Intanto per il proprietario del laghetto e terreno circostante è scattata l’ordinanza di messa in sicurezza dell’area. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento