rotate-mobile
Cronaca

Picchia il figlio con una borsa e gli tira un pugno: a processo padre violento

All'uomo è stata revocata la potestà genitoriale ed è stato denunciato dalla moglie

Picchia il figlio e finisce sotto processo per lesioni, con tanto di revoca della potestà genitoriale.

Un uomo di 57 anni, difeso dall’avvocato Gianfranco Angeli, è accusato di lesioni aggravate nei confronti del figlio minorenne per averlo colpito “con la propria borsa” al viso “e con un pugno allo sterno”, procurandogli “lesioni personali consistite in trauma zigomo destro e sterno ed emico stato sinistro”. Lesioni giudicate guaribili in cinque giorni.

La madre del minore, assistita dall’avvocato Gianni Dionigi, aveva deciso di sporgere querela a causa della condotta dell’uomo per un “comportamento tale da alterare la serenità e l’equilibrio” del figlio “con evidente turbamento interiore” che avevano portato a sviluppare ansie e paure, anche a causa degli episodi di violenza nei confronti delle donna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchia il figlio con una borsa e gli tira un pugno: a processo padre violento

PerugiaToday è in caricamento