Venerdì, 19 Luglio 2024
Cronaca

Botte e minacce con il coltello per costringere la vittima a prelevare al bancomat: condannato

Il racconto della vittima e i filmati delle telecamere di sorveglianza inchiodano l'imputato

Picchia e rapina una persona fuori dal bar e la costringe a prelevare denaro allo sportello bancomat: condanna a 6 anni di reclusione e 2mila euro di multa.

È quanto stabilito dai giudici della Corte d’appello che hanno confermato la condanna per rapina aggravata dall’impiego di un coltello, di porto ingiustificato in luogo pubblico dell’arma e lesioni personali. Secondo l’accusa l’imputato “fuori da un bar” avrebbe aggredito la vittima e “sotto la minaccia di un coltello, intimava di consegnargli il denaro in suo possesso e la costringeva a recarsi presso la propria abitazione – dove la vittima veniva colpita con calci e pugni - per prelevare e consegnargli ulteriore denaro e preziosi, fino poi a costringerla, sempre sotto la minaccia del coltello, a recarsi al bancomat e prelevare del denaro del quale l’imputato si impossessava”.

La ricostruzione dei fatti, sulla base della denuncia della persona offesa, con il riscontro di alcuni testimoni e dei filmati delle telecamere di videosorveglianza del Comune e della banca, oltre al referto medico delle lesioni subite dalla vittima, confermano quanto già stabilito dal giudice di primo grado sull’episodio contestato all’imputato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Botte e minacce con il coltello per costringere la vittima a prelevare al bancomat: condannato
PerugiaToday è in caricamento