menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Finalmente Perugia salda un debito verso la nobile figura di Giorgio Spitella, intestandogli una piazza

Finalmente – per iniziativa del consigliere Carmine Camicia, vicepresidente della Commissione Toponomastica del Comune di Perugia – una strada intestata a Giorgio Spitella. Chi era costui? Un politico di quelli che oggi si fanno rimpiangere, una persona di cultura autentica e profonda, un rettore che, a Palazzo Gallenga, seppe degnamente raccogliere l’eredità di Ottavio Prosciutti. Giorgio Spitella, folignate, politico formato alla scuola del cattolicesimo democratico, era stato segretario provinciale della Democrazia Cristiana di Perugia dopo essere stato apprezzato come esponente della Gioventù Italiana dell'Azione Cattolica umbra.

A far capo dal 1968 è stato eletto deputato, fino al 1976, quando si presenta come senatore, successivamente riconfermato fino al 1992. Aveva fatto parte delle Commissioni istruzione pubblica, beni culturali, affari esteri. Ricoprì la carica di viceministro ai Beni culturali e ambientali durante il terzo, quarto e quinto governo Andreotti. Nel 1982 è stato eletto rettore della Stranieri, dove è rimasto in carica per ben dodici anni.

Finalmente Perugia salda un debito verso questa nobile figura, intestandogli una piazza, nel Parco di Santa Margherita, presso la sede distaccata dell’Università per Stranieri Sabato 14 luglio, alle ore 11, presso la piazza a lui dedicata, tra via della Briglia di Braccio e via Carlo Manuali, la scopertura della targa e un breve ricordo. Ci saranno il rettore uscente dell’ateneo per stranieri, Giovanni Paciullo, e altre autorità religiose, politiche, militari, insieme a esponenti del mondo accademico. Oltre al promotore Camicia, che va fiero di questa iniziativa.

Ho ricordi personali di Giorgio Spitella che, con noi giovani, si mostrò sempre aperto e disponibile, ricco di cultura e umanità. Qualche nome di giovani che educò alla democrazia? Luciano Moretti, Giancarlo Guardabassi, Carlo Tirilli, Fausto Minchiatti, Marcello Silvestrini e tanti altri (e molti sono quelli ancora viventi) che non lo dimenticheranno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento