Cronaca

Piaggia di San Fortunato, vittima di costanti vandalismi. Di quegli specchi ne spaccano uno dopo l’altro... fino a quando?

L'Inviato Cittadino continua il suo viaggio nei territori per denunciare degrado e vandali

Piaggia di San Fortunato, vittima di costanti vandalismi. Di quegli specchi ne spaccano uno dopo l’altro. Se non è un sabato è il successivo. Ma il tiro a segno continua. Gruppi di giovinastri che sbarellano per via Bartolo, dirigendosi verso piazza Pozzo Campana, dove trionfa lo schiamazzo. All’altezza della deviazione a sinistra, in corrispondenza del vecchio supporto metallico del Situ, sotto l’archetto, c’è uno specchio parabolico. Meglio dire “c’era” perché è raro vederlo integro. Anche sabato notte si è ripetuta la solita storia. Ce lo riferisce Italo Lorenzini, il “custode” della piaggia. Dice: “Gli ho gridato: ragazzi che fate? Mi hanno risposto che volevano solo divertirsi”.

Il divertimento consiste nello shooting allo specchio. Chi riesce a frantumarlo caccia un urlo di gioia. Poi tutto il gregge a bere, urlare, orinare sui vicoli e sui portoni. Certo che i residenti sopravvissuti allo spopolamento dell’acropoli sono gli ultimi dei Mohicani nella riserva. Non si sa come facciano a resistere. Ancora visibili a terra i resti di quello che fu uno specchio, con la parabola desolatamente vuota. Ecco: ci viene bene la foto in pagina. Ma il tutto genera anche un’infinita tristezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piaggia di San Fortunato, vittima di costanti vandalismi. Di quegli specchi ne spaccano uno dopo l’altro... fino a quando?

PerugiaToday è in caricamento