menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Torni tra tre anni, anzi no": perugino con un calcolo grosso come una noce operato in tre giorni

“Voglio perciò ringraziare PerugiaToday che ha sollevato il caso e che, in qualche modo, ha smosso le acque, consentendomi di ottenere un risultato rapido e insperato”

“Sono debitore a PerugiaToday, se il mio problema di salute, che sembrava lontano da una soluzione positiva, è andato a buon fine”. Parla il perugino ottantenne del cui stato di salute avevamo dato conto su questo giornale, in riferimento all’incredibile risposta: “Torni fra tre anni che la operiamo”. Ricordiamo che l’anziano era afflitto da un calcolo vescicale del diametro di 3 centimetri che gli rendeva la vita impossibile.

“Dolori e sanguinamento camminando. Peggio, se decidevo di uscire in macchina: con le buche che ci sono in giro, erano dolori tremendi ed emorragie”. Ne aveva parlato con noi, chiedendo aiuto. Altro non abbiamo potuto fare che segnalare questo assurdo, ennesimo episodio di malasanità. O, per meglio dire, siamo ancora peggio che alla “malasanità”, ma alla sanità “che non esiste”. 
 

La denuncia: perugino con un calcolo grosso come una noce, "torni in ospedale tra tre anni"

“Il giorno stesso dell’uscita del servizio sul vostro giornale, sono stato contattato da un noto scrittore perugino (anche il Nostro è un apprezzato poeta dialettale) che poteva vantare delle conoscenze in ambito sanitario. È bastata una sua telefonata e sono stato ricoverato nella clinica di Porta Sole. Dove – non in tre anni, ma nel giro soli di tre giorni – hanno frantumato e rimosso il calcolo, risolvendo anche un altro gravissimo problema di natura intestinale. Praticamente ho subito ben tre interventi e mi hanno rimesso in perfette condizioni di salute e in grado di poter svolgere una vita normale”.

“Non secondario – aggiunge – il fatto che non ho dovuto sborsare un centesimo: sia l’operazione che la degenza sono state completamente gratuite. Ho trovato gentilezza e competenza”. Conclusione: “Voglio perciò ringraziare PerugiaToday che ha sollevato il caso e che, in qualche modo, ha smosso le acque, consentendomi di ottenere un risultato rapido e insperato”. Che dire di più? Grazie a quanti si sono adoperati per la felice conclusione di una incredibile (dis)avventura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento