rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca

Mattarella a Perugia: la visita del Presidente della Repubblica

Il presidente della Repubblica è stato prima a Corso Garibaldi, poi in visita al Residence Chianelli

Un giorno speciale per Perugia, con una città blindata. "Intitoliamo oggi una caserma a un eroe dei nostri giorni, il colonnello Valerio Gildoni": parole del comandante generale dei carabinieri, Tullio Del Sette, pronunciate per l’intitolazione della la sede di Perugia del Nucleo tutela patrimonio culturale dell'Umbria in corso Garibaldi all’ufficiale morto in servizio e medaglia d'oro alla memoria. Presente alla cerimonia il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e i familiari del colonnello Gildoni.

E il generale si è rivolto al Capo dello Stato: "La sua considerazione e vicinanza è già tante volte manifestata, sono per tutti noi servitori dello Stato motivo di altissima soddisfazione e di ulteriore fede impegno nell'assolvere i compiti istituzionali a tutela della legalità, della libertà, della sicurezza della nostra Italia, delle istituzioni e dei cittadini".

Mattarella a Perugia, la storica visita del Presidente della Repubblica



Il Nucleo dei carabinieri opererà sull'intera Umbria "a protezione e a salvaguardia dei beni archeologici, storici, artistici e paesagistici di tutta la regione".

Intorno alle 11.46 il presidente della Repubblica, è arrivato al residence Daniele Chianelli. Il capo dello Stato è stato accolto dal presidente del Comitato per la Vita "Daniele Chianelli" - che ospita i pazienti, bambini e adulti, in terapia ambulatoriale nei reparti di onco-ematologia pediatrica ed ematologia dell''ospedale "Santa Maria della Misericordia - , Franco Chianelli, dalla moglie, Luciana Cardinali, e dal direttore dell'azienda ospedaliera di Perugia, Emilio Duca. Mattarella, dopo la visita del residence, incontrerà al terzo piano, alcuni malati impossibilitati a scendere per motivi di salute.    Infine si intratterrà, nella sala "Bomboniera", al piano terra, con i pazienti e familiari ospiti della struttura, il personale sanitario dei reparti di onco-ematologia pediatrica e di ematologia/trapianto midollo e con l'equipe multidisciplinare (psicologi, assistente sociale, musico e arteterapeuti, mediatrice culturale, servizio religioso, insegnanti "Scuola in ospedale", clown) che opera in questi reparti anche grazie al sostegno del comitato Chianelli.    Insieme a Mattarella la vicepresidente della Camera, Marina Sereni, e il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini.
 

Il residence Chianelli “è un punto d’eccellenza”.  E “esprimo l’apprezzamento più grande per i coniugi Chianelli e per la loro esperienza”. Parole di Sergio Mattarella, che interviene “fuori protocollo”. “Ringrazio anche chi si trova a lavorare in questo punto d’incontro. E’ un grande esempio da esportare”. E ancora:  “La forza dell'Italia è saper unire le energie e impegnarsi nella solidarietà. Se qualcuno si chiedesse qual è la forza dell'Italia e quali sono le risorse del nostro Paese avrebbe una  risposta in questa come in altre città. Questo residence per i malati per le loro famiglie è diventato un punto di incontro tra tante energie e risorse, privati, volontari, Asl e università, che insieme danno una risposta globale al  malato per superare e curare la malattia. Siamo in un punto di eccellenza delle ricerca e in una frontiere della riposta terapeutica globale. Si tratta di un tale complesso di energie che si coordinano che, come altri nel nostro Paese, va indicato come modello da esportare".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mattarella a Perugia: la visita del Presidente della Repubblica

PerugiaToday è in caricamento