rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, il sindaco Romizi in visita ai cimiteri: "Sono qui a nome di tutti i perugini, non dimentichiamo..."

Le ordinanze anti-contagio hanno reso impossibile la commemorazione dei defunti. Il sindaco insieme all'assessore Cicchi

I cimiteri sono chiusi. Persino dopo un funerale possono entrare ad accompagnare la salma solo i componenti della famiglia. Non si può pregare, non si possono mettere fiori nuovi. Anche questo il coronavirus ha portato via alle famiglie. Per questo scalda il cuore vedere tanti sindaci che sono andati in visita nei cimiteri a nome di tutti noi. Tra questi, oggi, il sindaco Andrea Romizi e l’Assessore Edi Cicchi: hanno deposto un ramo d’ulivo all’ingresso del cimitero monumentale. L’Amministrazione ha così voluto compiere un gesto di pietà, rispetto e devozione verso chi ci ha lasciato, con un simbolo, il ramo d’ulivo, carico di speranza.

“Abbiamo voluto esprimere – ha commentato l’assessore Cicchi – un gesto di vicinanza a tutte le famiglie che, in questo momento di emergenza sanitaria, non possono venire a pregare presso le tombe dei loro cari. Ed allora, attraverso questo piccolo gesto ripetuto in tutti i cimiteri cittadini, abbiamo scelto di deporre un ramo d’ulivo in segno di pace e di rinascita, sperando che possa fiorire al più presto e si possa uscire da questo periodo tanto difficile”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, il sindaco Romizi in visita ai cimiteri: "Sono qui a nome di tutti i perugini, non dimentichiamo..."

PerugiaToday è in caricamento