Cronaca

Samuele, la disperazione della madre: "Aiutatemi a capire". In lutto anche il Bastia Calcio

La mamma del 22enne trovato morto a Perugia lancia un appello sui social mentre intorno alla famiglia si stringe la comunità bastiola, a partire dal club in cui giocava: "Un centrocampista talentuoso"

Dolore, incredulità, rabbia e commozione. Una tempesta di sentimenti ha travolto la famiglia e la comunità in cui è cresciuto Samuele De Paoli, il 22enne di Bastia Umbra (appena cinque giorni fa il suo compleanno) trovato morto in un fosso nella mattina di oggi (mercoledì 28 aprile) a Sant'Andrea delle Fratte, in una strada di campagna alla periferia di Perugia.

Disperato il grido di dolore della madre: "Sì, quel ragazzo nudo trovato è il mio Samuele. Autatemi a capire cosa può essere successo" è l'appello che ha lanciato sui social, mentre sulla dinamica e le cause del decesso stanno indagando gli inquirenti. A mamma Sonia e alla famiglia ha fatto visita poi nel pomeriggio Sandro Mammolo, presidente del Bastia Calcio con cui Samuele era tesserato fin dai Pulcini.

Una 'seconda casa' per lui la società biancorossa, in cui gioca anche il fratello più piccolo e in passato ha militato quello più grande. "Siamo scioccati e addolorati per questa tragica notizia - dice il presidente Mammolo -. Samuele era un centrocampista talentuoso. Ma al di là del calcio ci mancherà come ragazzo, alla squadra e a tutta la comunità". 

Una comunità che ora si stringe intorno alla famiglia di Samuele, a partire dal Bastia Calcio che dopo i post a lui dedicati sui social si prepara a dargli l'ultimo saluto: "Se si potrà fare - assicura il presidente - troveremo il modo di rendergli omaggio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Samuele, la disperazione della madre: "Aiutatemi a capire". In lutto anche il Bastia Calcio

PerugiaToday è in caricamento