menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Promettevano asfalto di qualità a prezzi stracciati... ma era una truffa. Tre irlandesi denunciati a Perugia

Materiale di scarsissima qualità e dalla rapidissima deperibilità che doveva invece migliorare piazzali e parcheggi nelle aree aziendali

Un’organizzazione specializzata nel truffare piccoli e medi imprenditori proponendo interventi di ripristino di qualità di parcheggi e piazzali di pertinenza delle ditte, utilizzando però catrame a basso costo e di pessima qualità. La Polizia, dopo aver raccolto denunce ed effettuati controlli, ha denunciato tre uomini di origini irlandesi rispettivamente di 57, 31 e 19 anni responsabili, in concorso con altre persone, dei reati di truffa e tentata truffa.

Il copione risultava essere sempre quello: in primis veniva effettuata un’azione di identificazione di un’area di proprietà di una ditta, come ad esempio un piazzale, un parcheggio, un viale di pertinenza. Appurata la pessima condizione del fondo si presentavano ai titolari della ditta due dei tre soggetti proponendo una vantaggiosissima offerta di ricatramazione dell’area ad un prezzo “stracciato” di circa 10 euro al metro quadrato, circa più della metà rispetto al prezzo di mercato, riferendo al potenziale cliente che si trattava di catrame bituminoso di qualità ma residuale di vari cantieri oramai portati a termine che, qualora non fosse utilizzato, avrebbe dovuto essere smaltito e quindi perso, mentre invece si trattava di materiale di scarsissima qualità e dalla rapidissima deperibilità. I due garantivano il rilascio di regolare fattura cartacea ed elettronica ma, in tutti i casi, quest’ultima, non veniva mai recapitata dalle vittime.

Il gioco risultava semplice, conquistata la fiducia degli ignari acquirenti, nei confronti dei quali veniva assecondata anche la richiesta di pagare con assegni, al fine di garantire la tracciabilità del flusso monetario e quindi la regolarità della compravendita, l’affare si poteva ritenere concluso. In men che non si dica, decorso l’accordo verbale fra le parti, si presentava sul luogo dei lavori una vera e propria squadra con tanto di mezzi specifici necessari per la posa in opera del nuovo manto di catrame. Il tempo necessario di realizzare i lavori, sempre a ritmi molto veloci, operai e mezzi sparivano dal luogo.

Fondamentale è stato il contributo di un imprenditore perugino che era stato avvicinato dagli irlandesi. L'uomo insospettito immediatamente sia dai modi di vendita che dall’offerta stessa ha prima svolto una ricerca su internet - dove ha trovato riscontro della truffa - e poi ha allertato immediatamente la Polizia di Stato richiedendo un intervento alla Sala Operativa della Questura di Perugia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento