menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia accoglie i due doni dei giovani italiani a papa Francesco e alla Chiesa polacca

​A Perugia i due doni sosteranno in tre luoghi-simbolo della sofferenza umana e di forte richiamo soprattutto per le giovani generazioni, volendo raccogliere l’invito del papa di recarsi nelle periferie esistenziali

Arriveranno sabato 30 gennaio nell’Archidiocesi di Perugia-Città della Pieve le due statue raffiguranti il Crocifisso di San Damiano e la Madonna di Loreto, i due simboli che, fin dalla Giornata Mondiale della Gioventù (GMG) di Buenos Aires del 1987, accompagnano gli italiani ad incontrare i giovani di tutto il mondo. Si tratta dei doni che i giovani del nostro Paese consegneranno a papa Francesco e alla Chiesa polacca durante la GMG di Cracovia del prossimo luglio. In occasione di questo atteso evento, il Servizio nazionale per la pastorale giovanile ha organizzato un pellegrinaggio per tutta Italia delle due statue, iniziato il 29 marzo 2015, giorno della domenica delle Palme, dopo che papa Francesco le aveva benedette durante l'udienza generale del 25 marzo. Prima tappa di questo lungo percorso è stato il Lazio, per attraversare poi tutte le regioni italiane fino a giungere in Umbria.

A Perugia i due doni sosteranno in tre luoghi-simbolo della sofferenza umana e di forte richiamo soprattutto per le giovani generazioni, volendo raccogliere l’invito del papa di recarsi nelle periferie esistenziali. Nel primo pomeriggio di sabato saranno presso il Carcere femminile, dove alcuni giovani animeranno la santa messa con le detenute e successivamente (ore 17.30) nella chiesa dell’Ospedale “Santa Maria della Misericordia”, per vivere insieme ai malati l’Eucaristia. In tarda serata (ore 23.45) le due statue saranno portate dai giovani nel piazzale antistante il Palasport “Evangelisti”, luogo dove ogni notte si ritrovano “schiave” tante giovani vite. La recita del Santo Rosario in questo luogo, animata dai giovani insieme ai membri dell’associazione “Giovanni XXIII”, concluderà il pellegrinaggio dei due doni della gioventù italiana alla GMG 2016 nel capoluogo umbro per poi proseguire verso la Diocesi di Gubbio.


Nel percorso di avvicinamento alla GMG di Cracovia, l’Ufficio diocesano per la pastorale giovanile ha accolto questa iniziativa con l’obiettivo di far partecipare al cammino di preparazione alla Giornata Mondiale quei giovani che per vari motivi non potranno essere presenti in Polonia. “Anche la nostra regione dallo scorso 24 gennaio, giorno dell’arrivo delle due statue, si riunisce in preghiera attraverso il loro pellegrinaggio – commenta don Riccardo Pascolini, direttore dell’Ufficio diocesano per la pastorale giovanile e coordinatore regionale degli Oratori in Umbria –. Abbiamo accolto l’invito del Servizio nazionale di pastorale giovanile per coinvolgere tutti i giovani che vogliono vivere questo percorso spirituale in preparazione alla GMG. Con l’icona della Madonna di Loreto ed il Crocifisso di San Damiano vogliamo anche riscoprire i volti di due giovani dietro queste storie di santità, Maria e Francesco: l’“eccomi” di Maria ha permesso a Dio di legarsi all’umanità, mentre la chiamata di Francesco ha permesso alla Chiesa di essere riparata e di aspirare alla santità di Cristo. L'immagine del Crocifisso di San Damiano, poi, è "di casa" in Umbria ed è per noi sempre un grande dono vedere giovani pregare davanti al Cristo che parlò a San Francesco. L'invocazione che nasce dalla contemplazione del crocifisso che Francesco ha percepito, "Va’ e ripara la mia Casa”, è ancora oggi un invito per i giovani del mondo a vivere nella Chiesa alla scuola di Cristo per continuare a riparare e ricostruire una Chiesa giovane, povera e credibile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento