rotate-mobile
Venerdì, 24 Maggio 2024
Cronaca

Fanno il pieno di droga a Perugia e ripartono alla volta di Pisa: due arresti

Sono stati presi dagli uomini della Questura di Perugia dopo una lunga indagine portata avanti dalla Squadra Mobile, diretta dal dottore Marco Chiacchera

Nuovi arresti da parte degli uomini della Questura di Perugia, a pochi giorni di distanza dalla maxi operazione “Show must go on”, grazie alla quale sono finite in carcere ben 17 persone appartenenti a una articolata associazione criminale dedita al traffico internazionale di sostanze. Dopo una lunghissima e complessa indagine sono finiti nella rete della Squadra Mobile, diretta da Marco Chiacchiera, due tunisini venuti a Perugia da Pisa per rifornirsi della “roba” da introdurre sul mercato della città toscana.

I fatti - Nel pomeriggio dello scorso lunedì 13 ottobre, una pattuglia in borghese della Mobile ha individuato lungo la Via Fiume, una Toyota Yaris di colore grigio, condotta da un tunisino che si è accosta al ciglio della strada e ha caricato un connazionale.
 
Scatta il blitz - Gli agenti della Mobile che hanno notato il movimento, con grande discrezione, si mettono alle calcagna dell’auto sospetta e, nel frattempo, allertano altre auto della Squadra Mobile e due equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine. Giunti allo svincolo del raccordo Perugia - Bettolle, la Yaris viene fermata ed i due soggetti identificati e perquisiti. Da un primo controllo, spuntano 30 grammi di “eroina” e denaro contante per circa 700 Euro. Successivamente, i due vengono portati in ospedale e sottoposti ad esame RX: uno dei due sfortunati corrieri viene trovato con 4 involucri termosaldati contenenti ulteriori 130 grammi di eroina.

Dopo l’”evacuazione” degli ovuli, per lui si sono spalancate le porte del carcere di Capanne. Quanto all’altro spacciatore, nonostante ci fossero forti sospetti che avesse ingerito a sua volta degli involucri, gli esami radiografici daranno un risultato negativo: all’esito del suo ricovero, sarà scarcerato, ma il suo arresto verrà comunque pienamente convalidato, in virtù della sua fattiva collaborazione nel trasporto della droga.

I corrieri - Ati Mohamed Alì, ventisettenne, e Manai Tarek, trentacinquenne, entrambi pregiudicati ma regolari sul territorio nazionale, sono residenti e domiciliati nella provincia di Pisa, e la droga sequestrata, appena acquistata a Perugia, è destinata proprio a Pisa. Il primo, Ati, comparso in Italia a Trapani, nel febbraio 2008, ha precedenti relativi alla normativa sull’immigrazione e per droga, tutti commessi a Pisa. L’altro, Manai, entrato in  Italia sempre a Trapani e nello stesso periodo del suo complice, ha analoghi precedenti ma commessi tra Bologna, Modena e Livorno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fanno il pieno di droga a Perugia e ripartono alla volta di Pisa: due arresti

PerugiaToday è in caricamento