Martedì, 23 Luglio 2024
Cronaca

"Si approfitta della divisa che indossa", la lite con la vigilessa finisce in tribunale

L'uomo è accusato di oltraggio a pubblico ufficiale per le parole pronunciate durante un controllo stradale

Un uomo di 68 anni, difeso dall’avvocato Omar Khmayes, è comparso davanti al giudice perché accusato di oltraggio a pubblico ufficiale per aver offeso un’agente della Polizia locale del Comune di Perugia.

Secondo l’accusa l’uomo avrebbe proferito le seguenti espressioni: “Guarda questa che faccia da str…! È indisponente e strafottente e si approfitta della divisa che indossa” in risposta ad un’azione fisica della vigilessa durante un controllo, dopo aver detto più volte all’agente “non mi tocchi, non mi tocchi”.

La lite sarebbe iniziata quando l’uomo era stato fermato, nella zona della stazione, in quanto non si poteva circolare a causa di una manifestazione. L’uomo aveva chiesto alle due vigilesse in servizio perché non si potesse passare e che doveva raggiungere la propria abitazione, distante poche centinaia di metri.

Secondo l’uomo la vigilessa “con atteggiamento arrogante e masticandomi una gomma in faccia a bocca aperta” aveva chiesto i documenti e aveva iniziato ad avvicinarsi “con fare minaccioso” alla richiesta dell’uomo di ulteriori spiegazioni.

L’automobilista metteva la mani dietro la schiena per non toccare l’agente, ma questa “mi spingeva verso la mia autovettura” con la pancia.

Nel frattempo la moglie dell’uomo consegnava i documenti e l’agente, alla fine del controllo, diceva che tanto si sarebbero “rivisti”. Così mentre l’uomo prendeva nota dell’identità della poliziotta, la stessa registrava le frasi oltraggiose dell’automobilista fermato.

Frasi che l’hanno portato davanti al giudice perché pronunciate “alla presenza di più persone, offendendo l’onore e il prestigio dell’agente della Polizia locale in servizio e nell’esercizio delle sue funzioni”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Si approfitta della divisa che indossa", la lite con la vigilessa finisce in tribunale
PerugiaToday è in caricamento