Domenica, 14 Luglio 2024
Cronaca

Rifiuta l'alcoltest e insulta gli agenti, poi si pente: "Se dimenticate tutto vi porto 2mila euro". Processato

Le accuse di oltraggio a pubblico ufficiale sono state stralciate dopo una lettera di scuse e un risarcimento ai poliziotti

Fermato alla guida ubriaco, si rifiuta di sottoporsi al test dell’etilometro e poi insulta i poliziotti. Quando si rende conto di averla combinata grossa tenta di corrompere gli agenti.

Un uomo, difeso dagli avvocati Nadia Trappolini e Donatella Donati, è finito davanti al giudice “perché in esito a controllo” da parte della Polizia, effettuato in via Cortonese, veniva “trovato in evidente stato di ebbrezza alcolica, denotato dalla tipica sintomatologia”, equilibrio precario e alito alcolico, rifiutava di sottoporsi all’alcoltest, incappando nella violazione al codice della strada e nella denuncia.

La Procura di Perugia, però, aveva chiesto anche il processo per il reato di oltraggio, in quanto durante il controllo l’imputato avrebbe offeso “l’onore e il prestigio dei pubblici ufficiali operanti, mentre compivano un atto del loro ufficio e a causa di questo, proferendo le frasi offensive: figli di p…, mortacci tua, bastardi, pezzi di m…, andate a f…”. Questo reato, dopo che l’imputato ha scritto una lettera di scuse e versato un risarcimento, è stato stralciato.

L’uomo è anche accusato di tentata corruzione perché “al fine di far omettere un atto del loro ufficio, prometteva denaro non dovuto ai pubblici ufficiali con la seguente offerta: adesso mi sono calmato, mi rendo conto che ho sbagliato, dai facciamo finta di niente e domani vi porto duemila euro”.

I fatti sono avvenuti a Perugia il 17 ottobre del 2019. Il giudice ha fissato al 15 novembre del 2022 la prossima udienza per sentire gli agenti accertatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuta l'alcoltest e insulta gli agenti, poi si pente: "Se dimenticate tutto vi porto 2mila euro". Processato
PerugiaToday è in caricamento