menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Perugia, crollo dei reati in città per il secondo anno di fila. Il questore: "Non molliamo"

Numeri positivi quelli tracciati da Gugliotta: un 20% in meno di crimini in città, 17% in provincia: "Ma la guerra non è ancora vinta"

Un trend positivo. I reati in provincia di Perugia sono in flessione per il secondo anno consecutivo. Parola del Questore Carmelo Gugliotta. "I numeri danno ragione all'azione intrapresa. La battaglia ha dato ottimi risultati ma la guerra al crimine non è vinta. Di una cosa sono certo: l'impegno di tutti noi non verrà meno". Insomma, lotta senza quartiere. Centimetro dopo centimetro.

Il questore ha definito "incoraggiante" il dato relativo agli arresti, 483, 28 in più dell'anno scorso, evidenziando anche i 347 stranieri espulsi (di cui 119 condotti ai Cie e 64 alla frontiera).

Gugliotta ha poi evidenziato che nella provincia di Perugia si registra un calo dei reati del 17%. Per la città, invece, un bel 20% in meno. "Si riducono - ha sottolineato il questore - i reati predatori, in particolare nel comune i furti del 19%, le rapine del 32%, le morti violente, i reati connessi con il traffico di stupefacenti, i decessi per overdose, al minimo storico assoluto con meno 47%. In crescita invece i reati informatici e quelli derivanti da conflittualità domestica, sui quali presteremo maggiore impegno". Per il questore di Perugia "tali dati sono assai significativi, specie se confrontati con quelli degli anni precedenti e con i numeri dell'ambito nazionale. Sono ancora più apprezzabili - ha proseguito - nell'odierno contesto caratterizzato da una forte riduzione della popolazione carceraria, dalla crescita del numero dei migranti, nonché dalle recenti modifiche normative ed interpretazioni  giurisprudenziali che hanno limitato il potere di arresto delle forze di polizia". Per Gugliotta sono "importanti" il sequestro di stupefacenti e le misure di prevenzione, con 296 rimpatri con fogli di via obbligatorio.

Il questore si è poi rivolto ai numerosi studenti presenti nella sala congressi del Capitini per la festa della Polizia. "A voi giovani - ha detto - vogliamo dedicare una particolare attenzione e rivolgere un sentito incoraggiamento. Non lasciatevi prendere dallo scoramento, non abbiate paura di impegnarvi, di affrontare la fatica e il sacrificio. Siate voi stessi esempio e stimolo per gli adulti. Noi poliziotti, con tutti i limiti e le fragilità della nostra natura di uomini, continuiamo ad impegnarci, per essere custodi dei valori sacri della libertà, della democrazia e della giustizia, difensori a volte fino al sacrificio estremo del diritto dei cittadini a vivere sicuri in una società giusta e libera".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento