Cronaca

Coronavirus, l'Esercito a Perugia e provincia: le pattuglie in azione nei centro storici e sulle vie principali

Tutti i militari già impegnati a sorvegliare tribunale e altri obiettivi sensibili ora dirottati anche per l'emergenza sanitaria

Da 48 ore a Perugia e Provincia i militari dell'Esercito Italiano stanno pattugliando quartieri, vie del centro storico e luoghi considerati sensibili come farmacie, uffici postali, banche e piazzali centri commerciali (i luoghi dove è consentito andare ma tenendo la distanza e senza fare assembramenti). Insieme ai militari si alternano agenti della municipale e delle altre forze dell'ordine ma dai prossimi giorni saranno completamente autonome le pattuglie con le stellette.. Obiettivi: far rispettare le normative anti-contagio decretate per l'emergenza coronavirus, controllare le autocertificazione dei cittadini e garantire lo svolgimento regolare e corretto dei servizi essenziali fondamentali per cittadini e istituzioni.

A Perugia e provincia per il momento non sono previsti rinforzi provenienti da caserme operative dislocate sul territorio nazionale. Dopo il via libera del prefetto Sgaraglia e il coordinamento del tavolo operativo diretto dal Questore, l'Esercito impiegherà in questa nuova missione tutto il personale attualmente presente nella nostra provincia che era impegnato originariamente a presidio di obiettivi sensibili anti-terrorismo, strade sicure e sorveglianza di Tribunali (attualmente con attività sospesa per decreto). Questo vuol dire comunque, ogni giorno, avere a disposizione mezzi e uomini che vanno a costituire, a quanto appreso, qualcosa come sei-sette pattuglie. Sono quattro quelle destinate al capoluogo che attualmente hanno effetuato controlli dal centro a quartieri popolosi come San Sisto e Castel del Piano. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l'Esercito a Perugia e provincia: le pattuglie in azione nei centro storici e sulle vie principali

PerugiaToday è in caricamento