Cronaca

Partiti i controlli alle tubature dell'acqua in chiave anti-amianto. Peltristo: "Serve un nuovo piano per la bonifica"

"Dei settemila chilometri di rete idrica in 38 comuni, gestiti da Umbra Acque, 350 circa sono costituiti da cemento amianto"

"I controlli sulle condutture alla ricerca di fibre di amianto nelle acque destinate al consumo umano stanno andando avanti”. L'annuncio porta la firma di Augusto Peltristo, vicecommissario Lega Trasimeno e Capogruppo della Civica di Piegaro, che ha rivendicato la richiesta-esposto che ha permesso di far partire il protocollo che ha prodotto controlli analitici alla ricerca di fibre di amianto nelle acque potabili, per la prima volta in Umbria, dopo due anni e mezzo di documentazione prodotta.

“Tutto ciò – ha spiega Peltristo – è molto importante in quanto dei settemila chilometri di rete idrica in 38 comuni, gestiti da Umbra Acque, 350 circa sono costituiti da cemento amianto, questo comporta un rischio di ingestione e di inalazione, legato a fenomeni di usura, dovute dalle escursioni termiche, smottamenti e dalle continue rotture-riparazioni delle stesse”.

La normativa attuale non prevede un valore limite per fibre di amianto nelle acque destinate al consumo umano e una correlazione causa-effetto, ma questo non vuol dire abbassare la guardia. “Bisogna prevedere ulteriori e serie campagne di monitoraggio e verifiche oltre che un piano per le bonifiche - ha continuato il capogruppo - L’acqua potabile non viene usata solo per bere, ma anche in cucina, lavaggio di superfici, quindi ci sono quantità di acqua che evaporano e potenzialmente producono fibre aereodisperse che possono essere inalate".

Le ultime analisi, secondo quanto riferito da Peltristo - pervenute dal Dipartimento di Prevenzione hanno evidenziato che il 7% delle tubazioni contiene fibre di amianto, anche se sotto la soglia, ma alcune criticità. "La presenza di serbatoi di accumulo a valle di tubazioni in eternit può determinare nel tempo un accumulo di fibre sia come deposito sul fondo della vasca sia sottoforma di incrostazioni alle pareti. Queste fibre accumulate nel tempo potrebbero essere rimesse in sospensione durante le operazioni di pulizia e di riempimento del serbatoio e successivamente rilasciate nei tratti di rete a valle". 

Ora le nuove battaglie, oltre che estendere anche al ternano i controlli, sonno quelle: di spingere per un piano aggiornato della sostituzione delle condotte in cemento amianto e una legge regionale che fissi un valore limite per fibre di amianto nelle acque destinate al consumo umano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Partiti i controlli alle tubature dell'acqua in chiave anti-amianto. Peltristo: "Serve un nuovo piano per la bonifica"

PerugiaToday è in caricamento