menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cani anti-droga in servizio alla Municipale di Perugia, il 2021 l'anno cruciale: ecco cosa serve e i costi

Un anno fa l'approvazione da parte del consiglio comunale della proposta della Lega. Ora il capogruppo Mattioni spinge per l'approvazione degli aspetti tecnici ed economici

E' passato un anno da quando il consiglio comunale di Perugia ha approvato la proposta della Lega di dotare la polizia municipale di Perugia, come in altre città del Paese, di una unità cinofila anti-droga. Ma da quel voto non è successo nulla vuoi per il bilancio limitato, vuoi per la pandemia. Ora la questione è tornata di attualità con il capogruppo della Lega Lorenzo Mattioni che in commissione sta provando a fare un passo avanti: soldi nel bilancio 2021, dotazioni varie e un presidio dove ospitare i cani anti-droga.

L'Unita cinofila necessita, secondo il capogruppo, di un agente conduttore, di un ausiliare (cane), di un veterinario, di un automezzo dotato di box, di un luogo per la custodia dell'ausiliare, di un'assicurazione da includere in quella generale del comune, di una postazione, situata presso il Comando di Polizia Locale, dove custodire in sicurezza la sostanza sequestrata e di un agente destinato a tale mansione.

Da qui la proposta di impegnare la Giunta, nel futuro prossimo, su questi aspetti tecnici e sulle risorse economiche per il servizio: tra un minimo di 50mila euro ed un massimo di 65mila per tutte le spese di avvio.  L’assessore Luca Merli ha manifestato pieno appoggio al progetto. Ora bisogna sentire il parere del comandante della Polizia Municipale. Per il momento dell'unità cinofila, la prima della storia della Municipale di Perugia, resta ancora una idea politica da attuare. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Linfoma di Hodgkin, nuova terapia di precisione contro il tumore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento