La segnalazione: "Attenzione in via San Girolamo: alberi e rami pericolosi"

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione che riguarda alberi pericolanti e rami pericolosi in via San Girolamo, la "corta" che collega Perugia a Ponte San Giovanni

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione che riguarda alberi pericolanti e rami pericolosi in via San Girolamo, la "corta" che collega Perugia a Ponte San Giovanni.

*********

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'attenzione di motociclisti e automobilisti in transito su via San Girolamo, la molto frequentata “corta” da Ponte San Giovanni a Perugia, si è concentrata ora, dopo che il manto stradale è stato rifatto, sugli alberi che fiancheggiano l'arteria. Alberi non curati, non potati, non controllati e a libero impatto con qualche temporale estivo, sempre in agguato, con rovesci di pioggia e folate di vento, che potrebbero causare il distacco di rami o il cedimento della pianta. Pericoli che causano incidenti anche mortali, come spesso riferisce la cronaca. Venendo da Ponte San Giovanni e prima della curva che precede l'inizio vero e proprio della salita, un albero, posto di là dal fosso di Santa Margherita, si è schiantato adagiandosi su un altro posto sul lato sinistro della strada. Se il peso dell'albero dovesse spezzare il ramo su cui poggia, andrebbe a finire sulla carreggiata con le conseguenze prevedibili se dovesse cadere su qualche automobile in transito.

Altra segnalazione: è stata tagliata la vegetazione lungo la via San Girolamo e i residui del taglio sono stati lasciati, come è ormai consuetudine, proprio sul fosso ai due lati della strada. Residui che potrebbero ostruire il deflusso dell'acqua piovana che si riverserebbe sul piano stradale rendendolo molto pericoloso. Non è possibile sopportare oltre la risposta degli addetti al taglio di erba e vegetazione lungo le strade: “Noi abbiamo il compito di tagliare, non sappiamo chi deve raccogliere quanto è lasciato ai lati della strada e la sporcizia che emerge dopo il nostro intervento”.

Ma chi coordina questi interventi? Se il taglio delle erbacce è compito della Comunità Montana, ora assorbita nell'Agenzia Regionale di Forestazione, possibile che non si riesce ad individuare e incaricare qualche altro Ente che provveda alla ripulitura della “deforestazione”? Esistono macchine specifiche che, con una sola persona alla guida e un assistente, fanno le due funzioni e sono macchine costruite in Umbria ma che, nel 98% della produzione, sono “preda” di Enti e clienti stranieri. Quando le scopriranno i nostri amministratori da cui dipendono strutture complesse, forse troppo complesse, e zeppe di dirigenti strapagati?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aste giudiziarie, l'occasione per "rifarsi" l'auto: dall'audi Q2 praticamente nuova alla Mercedes a 50 euro

  • Covid19, parte l'indagine sierologica a Perugia: Istat seleziona cittadini, occhio al numero telefonico

  • Perugia, incendio alla Biondi recuperi: vigili del fuoco in azione, nube nera in cielo

  • Coronavirus, la Usl Umbria 2: "Quattro nuovi casi di positività", tamponi ai familiari

  • La Usl Umbria 1 vende 24 auto, come fare un'offerta per partecipare all'asta

  • Scontro tra auto a Umbertide: morte due persone, un'altra è rimasta ferita

Torna su
PerugiaToday è in caricamento