menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Bollettino Arpa: allarme rosso per chi ha allergie, registrati picchi di pollini tra i più "fastidiosi"

l’A. MA. R. associazione di pazienti chiede aree protette per consentire a tutti di fare sport o passeggiate all'aria aperta. Occhio a Pian di Massiano... polline e smog presenti

Un inizio di primavera con molti ricoveri e molti accessi alle stuttura di cura in tutta l'Umbria per chi ha problemi respiratori e per chi soffre di allergie da poline. E’ stato registrato, infatti, dagli esperti nel bollettino ARPA un picco della pollinazione del cipresso, insieme all’inizio della parietaria e l’incremento della pollinazione in piante della famiglia delle betulacee

Già l’A. MA. R. associazione di pazienti, in collaborazione con alcuni Enti locali, Organismi di ricerca (CREA) ed il servizio Pneumologico territoriale della USL Umbria1, ha posto all’attenzione degli Amministratori Regionali il problema, proponendo l’individuazione di aree di basso impatto di inquinamenti e sotto monitoraggio per agenti aeropollinici, dove i pazienti respiratori possono avere sollievo in periodi critici di esposizione.

L’organizzazione di are geografiche protette dal punto di vista respiratorio permetterebbe, altresì, ai pazienti di svolgere attività fisica o di solo ristoro in ambienti salubri. Attualmente alcune aree verdi, utilizzate a livello sportivo e ricreativo, basti pensare a Pian di Massiano a Perugia, sono caratterizzate da un’elevata concentrazione di impianto di specie fortemente allergeniche, prima tra
tutte il cipresso e in aree di densità di traffico elevato dove il cittadino, ignaro dei picchi di pollinazione e di inquinanti, durante l’attività sportiva può manifestare problemi respiratori anche gravi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento