menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Piazza Cavallotti, una storia infinita. Il Comune ripara e i bestioni di pullman riscassano

Da domani riapre via della Stella. La cronaca dell'inviato cittadino

Piazza Cavallotti, una storia infinita. Il Comune ripara e i bestioni di pullman riscassano. Da domani riapre via della Stella. Stavolta hanno fatto l’esperimento di provare un materiale di nuova concezione che, ci si augura, possa tenere insieme quelle pietre eternamente ballerine. Lo hanno trovato insieme all’ingegner Marco Eugeni, responsabile di molte opere pubbliche della Vetusta. Chissà se le stuccature reggeranno. Specie considerando le temperature elevate di questi giorni. Calore che produce una forte dilatazione delle pietre che hanno in pancia una robusta dose di componente ferrosa, particolarmente sensibile agli sbalzi termici. Se non sarà il caldo, provvederà il freddo del prossimo inverno. Sennò, ci penseranno i “bestioni”.

L’Inviato Cittadino crede di non andare troppo lontano dal vero sostenendo che tutto questo lavoro potrebbe essere, ancora una volta, inutilmente dispendioso. Se non ci si deciderà a togliere di mezzo la circolazione degli autobus giganteschi che scassano tutto. Specialmente, nei punti dove mettono sotto sterzo con le ruote che imprimono pressioni da capogiro. La risposta certa è l’usura delle stuccature (con la creazione di fenditure esiziali per i pedoni) e il sollevamento/sbriciolamento delle pietre. Tanto che diverse sono state sostituite.

Ma questa non la vogliono proprio capire, i gestori della città. Sembrava che ci fosse stata una resipiscenza, quando fissarono il capolinea dei bestioni in piazza dell’Università, facendo salire nell’acropoli i buxi, più maneggevoli e meno impattanti. Poi sono tornati sulle loro stesse decisioni, sostenendo che le loro scelte di prima erano sbagliate. Talvolta ripensarci va bene, e sbagliare è umano, ma perseverare nell’errore è “diabolico”.

Sta di fatto che domani si riapre via della Stella, come recita il cartello in pagina, da noi immortalato. Per la serie: “Chi fa da sé fa per tre”. Parecchi automobilisti l’hanno già riaperta di propria iniziativa: una spostatina alle transenne e giù di corsa per via della Stella e la Cupa. Tanto, di questi giorni, il controllo è inesistente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, Assisi in lutto: è morto Mauro Venarucci

Attualità

Coronavirus in Umbria, vaccini anche in farmacia: c'è l'accordo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento