menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale militare cambio al vertice, Nappi ai perugini: "Un rapporto indimenticabile". Oltre 170 pazienti curati

Non sarà smantellata la struttura sanitaria dopo 4 mesi di grande operatività, ora il comando passa al militare-cardiologo Maurizio Saponara

Da quattro mesi, senza riposi e senza sosta, a pochi metri dall'ospedale Santa Maria della Misericordia, c'è un piccolo ma prezioso ospedale da campo gestito dalle nostro amato Esercito Italiano. Una piccola cittadella sanitaria con le stellette e grande professionalità che è stata fondamentale per sopperire alla mancanza di personale e posti Covid ma soprattutto ha ridato fiato e speranza da gennaio fino ad oggi quando le famigerate varianti inglese e brasiliana hanno reso il virus ancora più letale e contagioso. Quattro mesi in prima linea per i perugini e per gli umbri nonostante di norma il protocollo preveda un mese di operatività. E si spera resti ancora a disposizione a lungo questa struttura sanitaria che da oggi sarà diretta dal tenente colonnello dottor Antonio Maurizio Saponaro,  medico cardiologo, che sostituisce il tenete colonnello dottor Gaetano Luigi Nappi.

Un'equipe di 60 tra medici, infermieri, farmacisti e tecnici per l'ospedale da campo militare che ha saputo integrarsi con l'Ospedale di Perugia ed ha creato una grande empatia con la città. Un amore ricambiato, come ha ribadito il direttore uscente Nappi, nell'incontro con il sindaco Andrea Romizi e il consigliere comunale Cesaro.  "In questo periodo, il rapporto con l’azienda ospedaliera, che ringrazio per tutto il supporto e la collaborazione, e con i cittadini di Perugia e dell’Umbria si è andato sempre più rafforzandosi. – ha proseguito Nappi - Sono stati centinaia i gesti delle persone comuni che ci hanno dimostrato il loro affetto e ci hanno fatto sentire a casa. Ringrazio Perugia e l’Umbria per tutto questo, le istituzioni, in particolare l’amministrazione comunale, e il consigliere Cesaro, che ci è stato particolarmente vicino.”

E ancora: “Saluto i colleghi sanitari civili – ha concluso Nappi – per la disponibilità e collaborazione che mi hanno dimostrato fin dal primo giorno del mio arrivo. Una esperienza pregnante per la mia vita, dal punto di vista emotivo, umano e professionale che ha tracciato un percorso profondo e indimenticabile”.

Il Sindaco ha espresso il riconoscimento e la gratitudine dell’intera Città a tutto il personale militare. “Perugia ha sentito molto la loro vicinanza –ha detto il Primo cittadino- ne ha apprezzato la professionalità in un momento particolarmente critico di questo anno di pandemia, e ha voluto ricambiare l’importante contributo dato da tutti loro alla nostra città e alla nostra regione. Si è creato un legame che continuerà nel tempo.” A conclusione dell'incontro a Palazzo dei Priori sono risuonate le belle parole tributate dal consigliere Cesaro ai militari che "“Ritengo che tra il personale sanitario e tecnico dell’ospedale da campo e i pazienti Covid si sia creata questa analogia, per cui entrambi lontani dagli affetti familiari, hanno rappresentato la famiglia gli uni per gli altri, con una dedizione e un attaccamento che ho potuto verificare di persona".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus, bonus di 2400 euro: ecco a chi spetta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento