Cronaca

Accusa di omicidio preterintenzionale per l'unica indagata sulla morte di Samuele: il punto sulle indagini

L'autopsia prevista per domani pomeriggio e si protrarrà per tutto il Primo Maggio. Disposto anche l'esame tossicologico

Omicidio preterintenzionale: è questa l'accusa per cui è indagata una cittadina brasiliana, 43enne, regolare in italia, dedita al meretricio, nell'ambito dell'inchiesta per la morte di Samuele De Paoli, trovato cadavere la mattina del 28 aprile in una strada sterrata nell'area di Sant'Andrea delle Fratte, Perugia. L'indagata è stata comunque lasciata a piede libero dopo il lungo interrogatorio avvenuto ieri notte in Questura.

Grazie ad alcune testimonianze e, a quanto sembrerebbe, alle immagini di alcuni impianti di video-sorveglianza presenti in zona, la Squadra Mobile, a tempo record, è riuscita ad individuare la 43enne che è stata immediatamente prelevata dalla sua abitazione per un primo interrogatorio. E' stata lei, a quanto sembra l'ultima persona, ad aver visto vivo il povere Samuele. Ha fornito, come ribadito anche dal suo avvocato Gatti, anche una ricostruzione dei fatti: dopo essere salita in auto con il giovane, una volta fermati sulla stradina, tra i due è scattato un litigio finito a botte, con entrambi caduti nel canale. Poi la fuga a piedi  dell'indagata. Secondo la sua ricostruzione Samuele era ancora vivo anche se chideva aiuto. Il fatto sarebbe avvenuto intorno alle 20,30-21 del 27 aprile. Orario compatibile anche con il risultato dell'ispezione cadaverica effettuata sul posto dal medico legale di turno.

L'indagata ha riportato anche delle abrasioni al collo e sarebbe ricorsa alle cure mediche del Pronto Soccorso. Ora gli inquirenti cercheranno di verificare se la ricostruzione fatta è reale oppure c'è dell'altro che si nasconde dietro le parole della 43enne. Nell'auto sono state trovate anche tracce di sangue: di chi sono? La Polizia scientifica sta lavorando ancora sui campioni. Si spera di risalire alla causa della morte - fondamentale per le indagini - dall'autopsia che dovrebbe iniziare domani pomerigio e andare avanti anche nella giornata del primo maggio. Disposto l'esame tossicologico sul corpo della vittima. C'è da chiarire che Samuele non aveva nessun precedente per reati o segnalazioni per consumo di droga. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Accusa di omicidio preterintenzionale per l'unica indagata sulla morte di Samuele: il punto sulle indagini

PerugiaToday è in caricamento