menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiesa in lutto, addio a Don Baldoni: "Un pastore vero, determinato, dalla grande umanità"

Il profondo cordoglio del cardinale Gualtiero Bassetti e del Clero diocesano

E’ tornato alla Casa del Padre, nel giorno della vigilia di Natale, presso la Residenza Protetta “Fontenuovo” di Perugia, don Benito Baldoni, parroco di Castiglion della Valle dal 1956 al 1993 e poi parroco solidale presso le comunità parrocchiali di Villanova, Badiola, San Biagio della Valle e Pila. Appresa la triste notizia, il cardinale arcivescovo Gualtiero Bassetti si è raccolto in preghiera, affidando al Signore l’anima buona e generosa di questo servitore della Chiesa. Il cardinale e il Clero diocesano esprimono alla famiglia di don Baldoni il loro profondo cordoglio e la loro vicinanza spirituale.

Le esequie saranno celebrate giovedì 26 dicembre, alle ore 10, presso la chiesa parrocchiale “San Pio” di Castel del Piano, presiedute dal vescovo ausiliare mons. Marco Salvi. La camera ardente è allestita dal pomeriggio del 24 dicembre presso la Residenza “Fontenuovo”.

Don Baldoni era nato a Magione il 12 novembre del 1928, entrando nel Seminario diocesano di Perugia a 11 anni dove rimase fino alla maturità classica per poi trasferirsi al Pontificio Seminario Regionale “Pio XI” di Assisi.  Per un anno svolse il servizio militare a Firenze (presso il Genio Trasmissioni) e successivamente completò l’iter teologico a Cortona, presso il Seminario dei padri Redentoristi. Fu ordinato sacerdote il 29 giugno del 1954 dall’arcivescovo di Perugia mons. Mario Vianello, celebrando la prima Messa a Magione il 4 luglio 1954 e poco dopo gli venne affidato l’incarico di cappellano ad Agello con parroco don Antonio Fedeli. Il 2 dicembre del 1956 fu nominato parroco di Castiglion della Valle. Terminato il suo servizio in parrocchia nel 1993, fu per diversi anni parroco solidale presso le parrocchie della sua Unità pastorale. Dal 2014 fu assistito presso i religiosi di Madre Speranza a Collevalenza e dal 2017, con l’aggravarsi della malattia, venne accolto presso la Residenza Protetta “Fontenuovo” di Perugia. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Comune di Perugia cerca personale: i profili richiesti

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento