Resta senza sigarette, pesta la moglie e la costringe a pulire le sue feci sparse in casa

Doppio intervento della Polizia nella stessa casa di Monteluce: la donna si salva chiudendosi a chiave in una camera

Pestaggi, umiliazioni pesantissime, insulti. Tutti i giorni. Un inferno. E gli agenti delle Volanti che devono tornare nella stessa casa in zona Monteluce due volte in poche ore. Per evitare il peggio.

Nella giornata di mercoledì 21 gennaio una donna, di oltre vent’anni più giovane del marito, ha chiamato il 113 poco dopo l’ora di pranzo, chiedendo l’intervento della Polizia perché si trovava in pericolo. Agli uomini della Volante, accorsi sul posto, ha detto di esser stata appena minacciata di morte dal proprio coniuge, che l’accusava di non avergli comprato le sigarette e di non avergli ancora riparato la tv, rotta da qualche giorno.

Gli agenti, spiegano dalla questura, “sono venuti a sapere che il 60enne accusa da tempo problemi psichici e sfoga di frequente la sua aggressività con la moglie, alla quale non vengono risparmiati insulti, minacce e percosse per i più futili motivi. Malgrado ciò, considerando la particolare condizione dell’uomo, hanno deciso di non intervenire in maniera pesante nei suoi confronti, anche perché lui aveva accettato di farsi subito visitare presso il locale reparto di psichiatria”.

Tuttavia, intorno alle 17, la signora ha richiamato il 113, segnalando che l’uomo era già rientrato in casa e la stava di nuovo insultando e minacciando pesantemente.Temendo il peggio, la donna si è chiusa a chiave nella stanza da letto, da cui è uscita solo quando si è accorta che la Volante era tornata. Terrorizzata da questo secondo episodio, ha spiegato agli agenti che da qualche mese il marito era diventato estremamente aggressivo e violento, sottoponendola alle peggiori umiliazioni, tra cui persino quella di orinare e defecare all’interno dell’appartamento per poi costringerla a ripulire tutto.

La donna ha raccontato agli agenti di aver recentemente denunciato il coniuge e di non sentirsi più sicura a casa sua. A questo punto, considerata la gravità della situazione, la Polizia ha proceduto all’arresto del 60enne per il reato di maltrattamenti in famiglia. L’uomo verrà processato per direttissima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per l'assunzione di 2133 funzionari della pubblica amministrazione: il bando

  • Umbria, tragedia a Terni: trovati morti a 15 e 16 anni, indagini in corso

  • Umbria, adolescenti trovati morti: uomo in carcere. Il cocktail micidiale di sciroppo e psicofarmaci

  • Umbria, Flavio e Gianluca morti dopo un mix di droghe: parlano i genitori

  • Omicidio Polizzi, la Cassazione scrive la parola fine: i Menenti tornano in carcere, Riccardo per sempre

  • Coronavirus in Umbria, il bollettino del 12 luglio: due nuovi positivi, aumentano gli isolamenti

Torna su
PerugiaToday è in caricamento