menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

L'Accademia di Belle Arti festeggia in grande: ecco la nuova maglia della Grifonissima

Inaugurazione in pompa magna del 444esimo anno accademico dell’Aba. All’evento ha preso parte anche una delegazione dell'Università d'arte giapponese di Nara

Inaugurazione in pompa magna del 444esimo anno accademico dell’Aba. All’evento ha preso parte anche una delegazione dell'Università d'arte giapponese di Nara (coi  professori Ishimata Akira e Takahashi Kenji). I colleghi, in vista di future collaborazioni,  hanno avuto un incontro con il direttore Paolo Belardi e col docente di Disegno, Luciano Tittarelli.

Dopo la mattinata con Beverly Pepper (di cui si è ampiamente occupato PerugiaToday), il pomeriggio si è svolto presso la chiesa templare di San Bevignate.  Saluti del presidente della Fondazione Accademia Mario Rampini e consegna delle borse di studio, relazione del direttore Paolo Belardi e lettura dell'antica lettera da parte dell'attrice Pamela Villoresi, neo accademica d’onore, che ha voluto così ringraziare l’istituzione per averle concesso questo onore.

A seguire, la dotta prolusione della professoressa Claudia Conforti (nominata accademica d’onore) su "Giorgio Vasari e l'invenzione dell'artista moderno". Clou di peruginità nella presentazione del concept della maglietta ufficiale dell'edizione 2017 della Grifonissima, disegnata da Letizia Cassetta, che l'ha elaborata sotto la guida di Marco Fagioli, docente all'Accademia. L’immagine raffigura due orme di piedi umani al cui interno sono effigiate una miriade di piccole impronte di animali.  

Quindi la cerimonia della consegna dei Diplomi ai nuovi Accademici. Com’è noto, sono due le categorie di accademici. La prima è quella cosiddetta “d’onore”, conferita a personaggi che si sono distinti nel campo della cultura e della scienza o si sono resi benemeriti nei confronti dell'Accademia (anche senza essersi cimentati in produzioni artistiche di qualunque genere).

Tra essi Paolo Bolpagni (storico dell’arte), Claudia Conforti (storico dell’architettura), Isabella De Bellis Sciarra (avvocato), Andrea Margaritelli (manager), Antonio Paolucci (storico dell’arte e già ministro Mibac), Roberto Segatori (sociologo), Nello Spinelli (manager peruginissimo), Marco Tarquinio (giornalista, direttore de L'Avvenire), Pamela Villoresi (attrice).

Tra gli accademici di merito (quelli, cioè, che hanno “prodotto” arte): Gillo Dorfles (artista e critico), Laura Farina (artista), Hey Sug Jang (“Teresa” in Italiano, vedova dello scrittore in lingua perugina Armando Alunni, scultrice e pittrice), Cesare Mirabella (pittore), Maria Mulas (fotografa), Pietro Carlo Pellegrini (architetto), Ivan Theimer (scultore). 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento