Fumare da morire, torna alla vita grazie ai medici dell'ospedale di Perugia

"Ho spento l'ultima sigaretta prima di entrare al Pronto soccorso, poi è iniziato il mio lungo calvario". La storia di uomo di 57 anni che dopo anni di dipendenza dal fumo è tornato alla vita

Un calvario iniziato molti anni fa. Una storia di dipendenza e dolore. Il dolore della malattia e di quell’entra ed esci dagli ospedali. “Ho spento l’ultima sigaretta un attimo prima di entrare al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Perugia. Avevo un grande dolore al petto, venni i ricoverato per un infarto devastante. Per molti, troppo  anni sono stato dipendente dal tabacco. Della mia vita non cambierei nulla, vorrei solo non aver mai iniziato a fumare”.

A raccontare la lunga malattia è Claudio Giovagnoni, un perugino di  57 anni, operaio Enel  alla centrale di Pietrafitta. Con il tempo il  quadro clinico si è aggravato per l'insorgere di altre importanti  patologie. “ So di aver rischiato  più volte la vita , ma adesso mi sento bene, quasi vorrei fermare il tempo”. Da qui la decisione di intervenire chirurgicamente e impiantare un cuore artificiale. Oggi, 30 aprile, dopo tre mesi di degenza è potuto finalmente tornare a casa.

Protagonista importante di questa lunga storia anche il dottore Isidoro Di Bella, cardiochirurgo che assieme al professore Temistocle Ragni ha eseguito il complesso intervento: “ Nei mesi in cui sono stato ricoverato ho trovato  sulla mia strada medici e  personale infermieristico speciali, un  lungo elenco di professionisti, scrupolosi e generosi nei miei confronti. Li ho abbracciati ad uno ad uno;  ne cito alcuni, i  dottori Alunni e Sapia , il professore Ambrosio, e poi il dottore Be Bellis, che non mi ha mai nascosto la verità, ma sapeva farmela accettare”.

Giovagnoni, che è il terzo paziente umbro al quale in meno di due anni  è stato impiantato un cuore artificiale, in segno di gratitudine ha voluto fare dono al personale delle Strutture sanitarie che lo hanno assistito, delle migliori fotografie della sua collezione, raffiguranti scorci di paesaggi, monumenti, piante e fiori. Fotografie che in passato gli hanno permesso di ricevere  numerosi riconoscimenti in mostre e concorsi.  Domenica prossima  è stato invitato a fare una testimonianza  sulla sua esperienza nella chiesa di Castel del Piano :"La  fede non ha mai vacillato, neppure nei momenti peggiori, e di questo parlerò domenica,  invitato a farlo dal parroco,  Don Francesco. Per la verità ho scritto anche a papa Francesco, e spero ancora in una sua telefonata. Vorrei  solo dirgli  che non ho mai avuto paura della morte”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il buono postale regalato dalla nonna è scaduto e non pagabile, la nipote vince la causa

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 20 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Occhio allo smishing, la nuova truffa svuota conto corrente: basta rispondere ad un sms

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 21 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Coronavirus in Umbria, la mappa al 19 settembre: tutti i dati comune per comune

  • Fiera dei Morti, il Comune di Perugia pubblica l'avviso per gli operatori

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PerugiaToday è in caricamento