rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Cronaca

Giornata contro l'Aids, i contagi maggiori tra i 30-39 anni, l'80% nuovi casi sono uomini. "Sieropositivi non più contagiosi con nuove terapie"

e iniziative del “World Aids Day@Perugia!” una giornata dedicata al tema, per informarsi, sensibilizzare, prevenire che si svolgerà a partire dalle 15 e andrà avanti per tutto il pomeriggio. Di seguito il programma


"Oggi la scienza ci ha dato anche un altro risultato importante: un soggetto sieropositivo in terapia può non essere contagioso. Un ulteriore importante passo avanti per una qualità della vita migliore e più lunga, e in sicurezza, dopo le nuove cure": lo ha ricordato Gianluca Tuteri, vicesindaco e assessore alle Politiche Giovanili del Comune di Perugia, nell'introdurre gli eventi per il 1 dicembre "Giornata Mondiale per la Lotta all'AIDS". "Ci sono ancora dei ritardi da parte del paziente nel sottoporsi al test: un po’ per la paura che la sieropositività possa risultare confermata, un po’ per la vergogna di ritenersi colpevole di qualcosa qualora sirisulti positivo. Scoprirsi positivi dopo un contatto a rischio, invece, vuol dire non andare a finire nell’aids". Fondamentale sapere che se si ha avuto un rapporto sessuale a rischio c’è la possibilità di assumere farmaci efficaci entro le 48 ore per prevenire l’infezione (PEP) e comunque di poter effettuare un test per rilevare la positività al virus dell’Hiv che è gratuito e per il quale non occorre l’impegnativa del medico. 

Il test viene effettuato  negli ambulatori delle malattie infettive degli Ospedali di Perugia (075/5783262) e Terni (0744/205573). Lo scorso 28 novembre sono stati pubblicati i nuovi dati sul Notiziario Istisan redatto dal Centro Operativo Aids: "La decrescita dei casi è evidente - al netto dell’influenza negativa della pandemia che ha ostacolato l’accesso ai test anche se il trend era comunque in diminuzione dal 2018 - con 1.770 nuove diagnosi di infezione da HIV nel 2021 pari a un’incidenza di 3 nuove diagnosi ogni 100.000 residenti. (L’incidenza più elevata di nuove diagnosi HIV si riscontra nella fascia di età 30-39 anni (7,3 nuovi casi ogni 100.000 residenti), a seguire nella fascia 25-29 anni (6,6 nuovi casi ogni 100.000 residenti). In queste fasce di età l’incidenza nei maschi è 3-4. In generale, i maschi rappresentano il 79,5% dei nuovi casi".

"Sebbene vada sottolineato – spiega il dottor Sfara, presidente di Anlaids Umbria – come nei paesi occidentali i contagi siano in drastico calo grazie alla diffusione delle nuove terapie che permettono alle persone che vivono con HIV di raggiungere viremia zero e poter avere rapporti sessuali senza essere stigmatizzate come “persone infettive” (Undetectable=Untransmittable). Inoltre la diffusione della Profilassi Pre-esposizione (PrEP) risulta essere un metodo efficace per contrastare il virus HIV. L’unico elemento da tenere in considerazione è la battuta di arresto negli screening (test rapidi e non) che si è avuta nell’ultimo bienno per l’emergenza pandemica".

La conferenza stampa è stata occasione per presentare le iniziative del “World Aids Day@Perugia!” una giornata dedicata al tema, per informarsi, sensibilizzare, prevenire che si svolgerà a partire dalle 15 e andrà avanti per tutto il pomeriggio. Di seguito il programma della giornata del 1° dicembre: -ore 15.00/17.00, presso Il Centro Servizi Giovani del Comune di Perugia (Via Settevalli 11, c/o Complesso Ottagono): StopTABOO! Un gioco per sfatare miti e pregiudizi e saperne di più su HIV e IST! -dalle 18.30 in poi, presso il Café Timbuktu (Via Danzetta 22): AperiTESTati! Una serata di condivisione, informazione e test rapidi. Inoltre, in occasione della Giornata Mondiale per la Lotta all'AIDS la Torre degli Sciri di Perugia sarà illuminata di rosso, in segno di attenzione e vicinanza al problema.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giornata contro l'Aids, i contagi maggiori tra i 30-39 anni, l'80% nuovi casi sono uomini. "Sieropositivi non più contagiosi con nuove terapie"

PerugiaToday è in caricamento