menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fonti dei Tintori, quel tubo e quell’acqua stagnante che fanno discutere. Orrendo, sebbene provvisorio

Fonti dei Tintori, quel tubo e quell’acqua stagnante che fanno discutere. Avevamo elogiato la cura provvisionale alle spalle delle storiche Fonti: si trattasse di muro a tutela o di piantumazione per rendere stabile la scarpata retrostante. Facevamo propria l’esigenza di quanti lamentano i continui rinvii dell’inaugurazione, a distanza di mesi dal completamento dell’intervento. Ora avvertiamo l’opportunità di chiarire una circostanza che turba i perugini (tanto per drammatizzare un po’!). Non sono pochi quanti postano foto e commenti aspri circa lo stato pietoso del corridoio pedonale che lambisce le fonti sulla prospettiva frontale.

E sia chiaro che l’Inviato Cittadino non fa il difensore d’ufficio delle Amministrazioni comunali, dell’attuale non meno che delle precedenti (e, spera, nemmeno... delle future!). Ma, per amor di verità, va a sottolineare che quel tubo scuro, grosso, rugoso e decisamente impattante, è assolutamente provvisorio. È un obbrobrio. Ma pur sempre provvisorio. A cosa serve? A convogliare l’acqua che sgorga dalle sorgenti, presumibilmente collocate nella soprastante via dell’Eremita e adiacenze. Sono sempre state quelle sorgenti ad alimentare le Fonti, in origine usate per tingere tessuti, ma ben presto divenute pubblici lavatoi, pur conservando il titolo della denominazione originaria.

Quel tubo adduce l’acqua di scolo, evitando che cada nella prima vasca, dove viene mantenuto un livello di liquido bassissimo. Probabilmente anche per verificarne la tenuta senza lo sfioro. Effettivamente, oltre al tubo, fa un pessimo occhio vedere l’acqua in uscita, riversarsi sul corridoio
e ristagnare sul passaggio pedonale. La situazione è incresciosa ma, ripetiamo, provvisoria. All’inaugurazione, quell’acqua verrà mandata in vasca (che dispone di sfioro) o in condotta, non certo riversata sul corridoio pedonale, peraltro protetto con inferriata a tutela dei pedoni contro l’invasione dei mezzi in salita.

Quella corsia è stata realizzata, e protetta, proprio per consentire ai visitatori di osservare da vicino le Fonti, scattare fotografie, rendersi conto della bellezza di quel manufatto medievale. Notavamo che l’aggiunta dei muretti laterali, in pietra rosa di Assisi, è decisamente una scelta vincente, che aumenta l’appeal del monumento, senza peraltro snaturarlo. Questo e non altro significa quel tubo orrendo. Che sarebbe comunque ora di togliere di mezzo. Perché smetta di essere un obbrobrio. Sebbene provvisorio.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento