menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A caccia di "polli" da spennare fuori dall'ospedale: raccoglievano soldi spacciandosi per volontari

La Onlus per cui raccoglievano fondi era totalmente falsa: la Finanza si precipita sul posto e li becca. Denunciati in due, già avvezzi a truffe del genere

Si aggiravano senza sosta nel parcheggio dell’ospedale di Perugia, muniti di tesserino identificativo e di materiale divulgativo, richiedendo offerte a favore di una associazione di beneficienza e volontariato. Avrebbe dovuto avere sede in Calabria e perseguire nobili finalità, come l’assistenza alle ragazze madri ed il sostegno alle persone emarginate: in realtà l’Onlus era assolutamente inesistente.

È quanto accertato dai Finanzieri del Gruppo di Perugia che, allertati da una telefonata al “117”, si sono immediatamente recati sul posto sorprendendo due uomini intenti a raccogliere offerte, da ignari utenti del nosocomio ai quali rilasciavano “regolare” quietanza di pagamento.

Identificati e condotti in caserma per gli ulteriori accertamenti, i due, F.F., di anni 50 e I.L., di anni 34, sono risultati già coinvolti in raggiri del genere. È scattata, così, per entrambi, la denuncia per il reato di truffa, nonché il sequestro del materiale utilizzato per fare leva sui sentimenti di solidarietà degli ignari offerenti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento