Cronaca

"Sono seguita notte e giorno: temo per la mia vita": stalker recidivo preso di nuovo dalla Polizia

L'incubo di una donna che da tempo non poteva, per paura, mai recarsi al lavoro o al supermercato da sola. Tutti i divieti imposti all'ex

Tre giorni fa la Polizia ha rintracciato un 55enne albanese, da anni residente a Perugia, ed ha eseguito nei suoi confronti la misura cautelare del divieto di avvicinamento all’abitazione e ai luoghi abitualmente frequentati dalla ex, con l’ulteriore divieto di mettersi in comunicazione in qualsiasi forma con lei.

La Squadra Mobile perugina, sotto il coordinamento della Procura, ha accertato come l’uomo, già condannato per il reato di stalking ai danni di una sua connazionale, continuava a tampinarla e a pedinarla.In base a quanto ricostruito dagli investigatori, il 55enne nutriva una vera e propria ossessione per la donna, che lo portava a seguirla al bar, al supermercato e soprattutto nel tragitto quotidiano da casa a lavoro.

Fortunatamente, il cittadino albanese non si è mai reso protagonista di episodi di aggressione fisica, limitandosi a fissare insistentemente la donna; tuttavia, tanto era bastato per ingenerare nella donna "un grave e perdurante stato d’ansia e di paura" che nelle ultime settimane l’aveva persino indotta a non muoversi autonomamente da casa a lavoro, preferendo farsi sempre accompagnare da persone amiche o conoscenti.

Le denunce della vittima sono state fondamentale per far emettere il divieto allo stalker recidivo di avvicinarsi all’abitazione e agli altri luoghi abitualmente frequentati dalla donna, con annesso divieto di comunicare con lei. Qualora il 55enne non rispettasse i divieti impostigli, scatterebbe l’arresto e il trasferimento a Capanne. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sono seguita notte e giorno: temo per la mia vita": stalker recidivo preso di nuovo dalla Polizia

PerugiaToday è in caricamento