rotate-mobile
Cronaca

Coronavirus, anche la comunità islamica in prima linea: soldi e mascherine per Perugia. "Siamo tutti sulla stessa barca"

Il dono all'amministrazione comunale fattodal Centro Islamico Culturale di Perugia e dall’Unione Comunità Organizzazioni Islamiche in Italia

Sono state consegnate questa mattina alla Protezione Civile comunale dall’Imam Abdel Qader Mohd - medico e storica guida della comunità islamica del perugino - 1450 mascherine donate dal Centro Islamico Culturale di Perugia e dall’Unione Comunità Organizzazioni Islamiche in Italia. “Speriamo che la pandemia passi quanto prima, - ha sottolineato l’Imam - siamo tutti nella stessa barca e ci dobbiamo sostenere l’un l’altro. Sono certo che insieme ce la possiamo fare a superare ogni difficoltà. Queste mascherine sono il piccolo contributo da parte del Centro Islamico Culturale di Perugia e Unione Comunità Organizzazioni Islamiche in Italia alla città di Perugia.”

L’imam ha anche annunciato un significativo contributo di 2500 euro all’ospedale della città attraverso la raccolta fondi organizzata da PA Social e Comune di Perugia, per la quale - si ricorda - si può donare fino a sabato 18 aprile sulla piattaforma GoFundMe. Ad accogliere l’imam nel Centro di coordinamento della protezione civile comunale a Santa Lucia c’era l’assessore alla Cultura Leonardo Varasano, che ha ringraziato il Centro Islamico e l’UCOI a nome del Sindaco e dell’amministrazione comunale: “Accogliamo con piacere questo gesto, - ha detto - una donazione che ha un significato di appartenenza alla nostra comunità cittadina e che fa seguito ad un altro gesto che abbiamo apprezzato molto, quale la donazione di sangue, e che precede un’ulteriore donazione importante, questa volta in denaro, a favore del nostro ospedale cittadino.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, anche la comunità islamica in prima linea: soldi e mascherine per Perugia. "Siamo tutti sulla stessa barca"

PerugiaToday è in caricamento