rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Cronaca

Illuminazione ridotta a Perugia, cresce il fronte del no in città per i disagi e per la sicurezza. "Soluzione sperimentale da modificare"

Gli uffici comunali stanno studiando altre formule: "Allo studio soluzioni ulteriori di efficientamento energetico dell’illuminazione pubblica anche attraverso tecniche di illuminazione adattiva"

"Crescono di giorno in giorno le segnalazioni di disagi a Perugia per lo spegnimento anticipato dell’illuminazione pubblica al mattino": la denuncia in Commissione - dove si è trattata la questione dei risparmi energetici ai tempi del caro-bolletta - porta la firma dell'esperta consigliera comunale del Pd, Borghesi, che ha chiesto alla Giunta e agli uffici preposti di rivedere per certi aspetti la misura sperimentale adottata dall'amministrazione comunale.  Fabrizio Croce (Idee Persone Perugia) ha invitato a tenere conto di alcuni aspetti quando si interviene sugli orari dell’illuminazione pubblica: "In alcune zone del centro storico, in particolare, lo spegnimento anticipato di recente si è sommato alla chiusura anticipata degli esercizi che non potevano più contare sui dehors e in tal modo è aumentata la percezione dell’insicurezza".

Anche dalla maggioranza la richiesta di un ulteriori valutazione sulla riduzione dell'illuminazione publica. "I punti luce - Michele Cesaro -sono posizionati in base a valutazioni tecniche che tengono conto anche delle esigenze di sicurezza stradale. Nel valutare costi/benefici dell’accensione, in generale, va ricordato che si tratta pur sempre di un servizio pubblico". Il dirigente Gabriele De Micheli (Area Governo del territorio e smart city) ha annunciato che allo studio soluzioni ulteriori di efficientamento energetico dell’illuminazione pubblica anche attraverso tecniche di illuminazione adattiva. Ma al momento non si è entrati nel particolare. Le uniche certezze sono che il consiglio comunale ha deliberato una maggiore spesa corrente di ben 4,6 milioni: 870mila euro per energia elettrica (+44% rispetto alle previsioni), un milione per gas (+46%), 2,7 milioni per pubblica illuminazione (+60%).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Illuminazione ridotta a Perugia, cresce il fronte del no in città per i disagi e per la sicurezza. "Soluzione sperimentale da modificare"

PerugiaToday è in caricamento