menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Corso Cavour, il rilancio e il Pd che balla: l'ex assessore bastona i dirigenti

Scrive Cernicchi: "Se nessuno degli attuali dirigenti del Partito Democratico riesce almeno a ricordare come il processo sia iniziato dieci anni fa e che la Mezza Notte Bianca si fa da minimo quattro anni, noi questa città non la riconquisteremmo mai. Si vede che va bene così"

“La vittoria ha moltissimi padri, la sconfitta è sempre orfana”. Citazione a parte, a Perugia infuria la polemica sulla rinascita di corso Cavour. E tutto prende il via da un post su Facebook del consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Marco Squarta, che condivide la prima pagina de La Nazione Umbria con lo speciale sul rilancio del Borgo Bello. Scrive il consigliere: “Bellissimo vedere la rinascita del centro storico e di vie bellissime come Corso Cavour..zone un tempo abbondante a se stesse.. Un grazie ai residenti e allo straordinario lavoro di Andrea Romizi.. Avanti cosi..”.

Apriti cielo. Il gruppo consiliare del Pd si “limita” a un comunicato, il segretario comunale Francesco Giacopetti, invece, ripaga il fratello d’Italia con la stessa moneta. Ovvero un post: “Ci vuole proprio una bella faccia tosta per rivendicare la rinascita di corso Cavour come un successo della giunta Romizi. Per una serie di motivi di cui mi limito a citarne uno, il più evidente: la rivitalizzazione del quartiere viene da lontano ed è il frutto di un matrimonio ben riuscito tra l'impegno decisivo di operatori culturali e commerciali lungimiranti e di associazioni civiche molto attive sul territorio con attività di indubbio successo, e buone pratiche amministrative, che hanno messo insieme progetti urbanistici capaci di cambiare in meglio il volto dell'area e programmazioni culturali di livello”. Quindi, morale della favola (pardon, del post): “La demonizzazione di quello che c'è stato prima sta raggiungendo livelli imbarazzanti”.

Nel mezzo si inserisce nientemeno che l’ex super assessore alla Cultura della giunta Boccali, Andrea Cernicchi. E sempre via Facebook: “La Nazione titola "La rinascita: Corso Cavour dal degrado a capitale della movida". Se nessuno degli attuali dirigenti del Partito Democratico riesce almeno a ricordare come il processo sia iniziato dieci anni fa e che la Mezza Notte Bianca si fa da minimo quattro anni, noi questa città non la riconquisteremmo mai. Si vede che va bene così”.

Esatto, la mazzata è per i suoi. Per i dirigenti del Pd. Segue l’intervento dell’ex assessore comunale Antonello Chianella (sempre Pd): “In punta di piedi andrea ma mi piace anche ricordare che allargammo l'area pedonale del centro storico con la pedonalizzazione di corso cavour alta con il consenso degli operatori e dei residenti un lavoro di squadra, cultura e recupero aree a testimonianza che si può venire in centro senza auto”.
La sitesi di tutto la si trova nella risposta di Cernicchi ad Alessio Cavalieri: "Vedi Alessio, se scorri il mio profilo non troverai alcun cenno di polemica o di intervento riferito alla politica locale. C'è però un limite a tutto. Siete i dirigenti del Partito Democratico, rappresentateci adeguatamente. Ognuno con il suo ruolo. Ora tocca a voi. Noi come puoi vedere scorrendo sotto, ci rendiamo utili organizzando eventi socio culturali attraverso libere associazioni. Fate e dite. Non è più sufficiente dire basta polemiche. Le polemiche fatele con quelli giusti". Come a dire: la “movida” non c’è solo in corso Cavour. C’è vita anche nel Pd.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PerugiaToday è in caricamento